21 Settembre 2021 Segnala una notizia
Concorezzo, viabilità Milanino: il sindaco "meno traffico nel quartiere", cittadini furiosi sui social

Concorezzo, viabilità Milanino: il sindaco “meno traffico nel quartiere”, cittadini furiosi sui social

22 Luglio 2014

Concorezzesi su tutte le furie sui social network per la rivoluzione viabilistica del Milanino partita la scorsa settimana. C’è chi parla di “giro dell’oca” e chi di “inutile dispendio di benzina”. Per il sindaco invece porterà meno traffico nel quartiere.

Via Dante, via San Rainaldo, via Garibaldi, via Monte Grappa e via Monte San Michele, sono solo alcune delle vie interessate dal cambiamento. Un cambio di sensi di marcia, doppi sensi, che ha disorientato i residenti e molti pendolari che hanno attraversato nella settimana appena passata il Milanino. Decine e decine di persone si sono sfogate sui social network, dove il nostro primo articolo sull’argomento è stato commentato più di 100 volte, e con quasi esclusivamente giudizi negativi.

Convinto della scelta il sindaco di Concorezzo Riccardo Borgonovo, che ha difeso i lavori che finiranno probabilmente fra una decina di giorni:

Riccardo Borgonovo

Riccardo Borgonovo

“E’ normale che i primi giorni ci sia un po’ di disorientamento per tutti, soprattutto quando si apportano grandi cambiamenti – afferma Borgonovo – il nostro obiettivo però è chiaro e lo abbiamo illustrato nelle sei assemblee fatte fino ad ora sull’argomento: non permettere più che il Milanino sia una zona di passaggio per i pendolari che da Monza o Vimercate devono attraversare Concorezzo e non vogliono affrontare il semaforo che ora abbiamo eliminato su via Dante. Forse ora un residente del Milanino ci metterà un minuto in più per andare sulla provinciale, ma sicuramente avrà il passaggio di centinaia di auto in meno sotto casa, oltre che un quartiere più a misura d’uomo.”

Lungo via San Rainaldo si sta realizzando una pista ciclabile che si unirà a quella esistente in via Monte Rosa e che renderà anche più sicura la via fino a settimana scorsaa doppio senso.

“Abbiamo finalmente messo in pratica un progetto nato quasi 7 anni fa – continua Borgonovo – Abbiamo ancora da sciogliere alcuni nodi, come l’incrocio di via Dante dove ad oggi non possiamo allargare la strada vicino alla nuova rotonda perchè la sovrintendenza non ci ha dato l’autorizzazione ad abbattere una parte del muro di recinzione del parco di villa Zoia. Farò sicuramente una nuova richiesta alla sovrintendenza a settembre dopo che ci incontreremo con i residenti per chiedere le loro opinioni e i possibili miglioramenti.”. Ad oggi un’inversione ad U alla nuova rotonda su via Dante è quasi impraticabile, se non con un paio di manovre.

A settembre tutti i residenti del Milanino riceveranno a casa una lettera che li inviterà ad una serata di incontro per discutere di quanto realizzato per esporre critiche e possibili miglioramenti a quanto fatto.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Commenti

  1. Tommaso dice:

    le strade di interesse sovracomunale dovrebbero essere tolte dalla competenza dei sindaci. Ogni sindaco pensa solo a casa sua senza tenere conto di chi deve circolare, come se i concorezzesi non fossero anche loro degli automobilisti.Chi viene da Monza o Vimercate e deve attraversare Concorezzo, deve soffrire, non importa se dovrà fare una lunga file. Si è fatta una rotonda dove non c’è spazio sufficiente. Per giudicare l’atteggiamento ottuso di certi amministratori concorezzesi basta pensare agli altissimi cordoli che abelliscono le vie.

    • MassimoC dice:

      Vallo a dire a quegli idioti che hanno eliminato le province!
      Se anzichè toglierle, avessero dato loro poteri VERI, non aria fritta come era stato fino ad ora, la programmazione territoriale poteva essere fatta su larga scala, evitando le liti tra sindaci e sindachetti.
      Invece sono andati in direzione opposta: via le province e danno il potere ai Comuni, così i litigi e le ripicche tra orticelli aumenteranno sempre di più.

  2. Traffico diminuito??? Ma il sindaco ci è o ci fa????? Continua con queste giustificazioni senza fondamento. Il traffico è come prima, ma su altre vie….molto più strette e quindi più pericoloso. Mi auguro non succeda niente a nessuno…..ad esempio ai pedoni che attraversano Via Dante dove hanno tolto il semaforo!!!! Pazzesco…..e riescono anche a dormire sonni tranquilli!!!

    • Dido Dado dice:

      SI TRAFFICO DIMINUITO!
      Io abito li e lo posso dire: traffico diminuito, velocita’ moderata, inquinamento diminuito. Solo elogi per i progettisti. Non demordete la strada e’ quella giusta. Ora possibilmente trovate i parcheggi per i residenti e via il traffico pesante.

  3. Finalmente dopo sette anni è stato fatto un importante passo verso la riqualificazione del quartiere. Io ci abito e vi assicuro che le INTERMINABILI code che dalla via Monte Rosa a tutta la via San Rainaldo, ERANO un INCUBO, senza parlare dell’ INQUINAMENTO ambientale ed acustico, e della PERICOLOSITA’ per i ciclisti. Occorrerà, magari dopo un primo rodaggio, aggiustare qualche cosa, ma è INTOLLERABILE che gli abitanti di quel quartiere soprattutto chi abita in prossimità del vecchio semaforo tolto, debbano subire tutto questo MALCOSTUME di chi per non usare la provinciale vuole a tutti i costi passare all’interno dell’abitato.

Articoli più letti di oggi