17 Settembre 2021 Segnala una notizia
Nova, Caso Marotta, l'Appello conferma la sentenza: maxi risarcimento alla famiglia

Nova, Caso Marotta, l’Appello conferma la sentenza: maxi risarcimento alla famiglia

14 Luglio 2014

Una scivolata, lo scontro contro un furgone. La vita spezzata di un quattordicenne, per colpa della ghiaia sull’asfalto. E’ quanto ribadito dalla Corte d’Appello di Milano, che ha confermato la sentenza del Tribunale di Monza, secondo la quale il Comune di Nova Milanese è tenuto a risarcire la famiglia di Davide Marotta per 800 mila euro.

Era l’agosto del 2008, il quattordicenne stava rientrando a casa a bordo del suo scooter. Scivolato sul manto stradale a Nova Milanese, il ragazzino si è scontrato con un furgone che proveniva dal senso opposto di marcia. Non ci fu nulla da fare. La Procura avviò un’indagine nei confronti dell’autista del furgone, a cui non fu ravvisata alcuna responsabilità. Secondo gli avvocati della famiglia, a causare lo scivolone mortale del 14enne fu il terreno scivoloso, a causa della presenza di ghiaia. Lo disse un perito incaricato dalla stessa Procura, perché effettuasse rilievi al fine di ricostruire eventuali responsabilità dell’autista del furgone coinvolto nel sinistro. La responsabilità, dunque, in sede civile e in primo grado, fu data al Comune, responsabile di non aver correttamente provveduto alla cura del manto stradale. I giudici della Corte d’Appello di Milano hanno confermato la sentenza del Tribunale di Monza. La palla, forse, passerà ora al Tribunale del Riesame, per il terzo grado di giudizio.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Commenti

  1. Tribunale del riesame????

Articoli più letti di oggi