23 Settembre 2021 Segnala una notizia
"Spiga & Madia" contro lo svincolo Pedemontana a Caponago (sui campi bio)

“Spiga & Madia” contro lo svincolo Pedemontana a Caponago (sui campi bio)

28 Aprile 2014

“Spiga & Madia” è un progetto a filiera corta della brianza monzese che segue la produzione di pane dalla semina fino, appunto, alla madia (antico termine lombardo che indica l’armadio dove si conserva il pane). Lo scopo è quello di creare un nuovo modello economico basato su relazioni solidali che garantiscano qualità, prezzo trasparente e rispetto del territorio. Formalizzato per la prima volta nel 2006, il progetto entra  a far parte della rete dei Gas (Gruppi di Acquisto Solidale) e viene supportato dal Comitato verso il Des (Distretto di Economia Solidale) Brianza.

Il progetto Pedemontana ha però messo in pericolo la realtà di “Spiga & Madia”, che è cresciuta fino a coinvolgere 31 Gas, i quali acquistano circa 100 quintali di farina l’anno e 1800 pagnotte al mese. Si prevede infatti di creare uno svincolo tra la Teem (Tangenziale Est Esterna Milano) e l’autostrada A4 a Caponago, proprio sui campi di “Spiga & Madia”, riqualificati con anni di lavoro e convertiti all’agricoltura biologica. «Abbiamo presentato un’istanza alla Commissione Europea, presentando un dossier costruito grazie a un gruppo di avvocati dell’Università di Macerata» hanno dichiarato gli attori del progetto, che si sono allertati in proposito già a partire dall’estate del 2012.

Ora che pare manchino i fondi necessari a completare l’autostrada secondo il piano originario (come è emerso recentemente a proposito della tratta B2), forse tireranno un sospiro di sollievo. Anche se, ovviamente, non è ancora detta l’ultima parola.

(In apertura, vendita del pane prodotto da “Spiga & Madia” a Cesano Maderno).

G.S.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a [email protected] .


Commenti

  1. Insieme in Rete dice:

    Un ulteriore dimostrazione che l’autostrada pedemontana è un’inutile infrastruttura che non è motore di sviluppo (come sostengono Maroni, Lupi & C) ma che invece danneggia il territorio, l’ambiente e l’economia agricola. Ci si fermi quindi alla sola tratta A (pressochè realizzata) e si risarcisca AMBIENTALMENTE il territorio per i danni lì già causati (bosco della Moronera a Lomazzo sventrato) realizzando per la tratta A almeno quelle che erano le previste compensazioni ambientali. Non vorremmo correre il rischio che, laddove l’opera è già quasi completata, ci si “dimentichi” anche dei progetti locali di compensazione ambientale. Si metta fine anche all’accanimento con cui si ricercano fondi pubblici a mezzo della defiscalizzazione.

    coord. ambientalista Insieme in Rete

  2. MassimoC dice:

    Io non ci capisco più niente…. sembra che adesso ‘sta pedemontana non la voglia più nessuno.
    Ma chi è che l’ha voluta? E dov’è adesso?

Articoli più letti di oggi