18 Settembre 2021 Segnala una notizia
Viale Lombardia: per il Comitato il tunnel è "invisibile"

Viale Lombardia: per il Comitato il tunnel è “invisibile”

18 Aprile 2014

La galleria di viale Lombardia c’è ma non si vede. Illusione ottica? Magico artefizio? Niente di tutto ciò: a far “sparire” il Tunnel della SS36 ci ha pensato la tecnologia satellitare.

Pare infatti, secondo quando comunicato dal Comitato San Fruttuoso 2000 attraverso una nota stampa, che le mappe stradali disponibili in rete non siano aggiornate. Stesso discorso sarebbe valido anche per alcuni modelli di navigatori satellitari. «Questo comporta un problema serio: sono ancora molti gli automobilisti che percorrono il sopratunnel per attraversare la città, specie da sud verso nord. Chi passa occasionalmente non sa che esiste la galleria» spiega il Comitato.

Ad insinuare il dubbio ai membri del Comitato cittadino sarebbero stati i numerosi veicoli che, a tutte le ore, non imboccano la galleria provenendo da Milano (o dalle autostrade). «Restano sopra, percorrono tutto il nuovo viale Lombardia, arrivano sino al Rondò dei Pini e poi proseguono oltre, verso Lissone, per reimmettersi infine sulla Statale 36. Abbiamo verificato per più giorni, utilizzando due gruppi di persone dislocate alle estremità del sopratunnel e collegate tra loro con i cellulari». sottolineano.

Disturbati dal continuo via vai automobilistico, il Comitato San Fruttoso  2000 ha cercato di risolvere il problema alla fonte segnalando per mail “l’invisibilità” del Tunnel ai fornitori di mappe e ai principali produttori di navigatori GPS. Per ovviare al problema, però, l’appello più accorato il Comitato lo rivolge ai diretti interessati: gli automobilisti. «Occorre soprattutto che i possessori di un navigatore satellitare facciano gli aggiornamenti, cosa che nella maggior parte dei casi non avviene con frequenza».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. ninetofive dice:

    beato chi non ha un cazzo da fare e guarda il traffico!

    • Ah ma certo! Persone che impiegano il loro tempo libero in maniera utile per tutti secondo te hanno “un cazzo da fare”. Ma TU cosa fai nel tempo libero? I cazzi tuoi, naturalmente.

    • elfoverde dice:

      Al posto di inquinare dando fiato alla bocca unisciti a quelli che cercano di migliorare la vivibilità della nostra città.

  2. Dipende da quale mappa sia, su OpenStreetMap, che è un progetto collaborativo contribuito da volontari, il tunnel c’è da mesi: http://www.openstreetmap.org/#map=16/45.5734/9.2474 e i dati e le mappe di OSM sono scaricabili e utilizzabili su diversi navigatori, non c’è bisogno di aspettare che Google Maps si aggiorni per fortuna

  3. anziché parlare di queste cazzate andate a lavorare

  4. Lasolunga dice:

    Egregi amministratori e membri dei comitati, se la cazzata di impedire la svolta a sinistra in via Piemonte provenendo dalla rotonda sud non verrà immediatamente eliminata (a meno che non si apra via Ticino o via Piemonte lato via Iseo) aspettatevi un’altra petizione e, al limite, altri falò o blocchi stradali sul sopratunnel. Complimenti per i ritardi di mesi (ma sarebbero anni) dei lavori e per le inaugurazioni farlocche dei lavori in superficie (basta vedere via Ticino e via meda ancora interrotte). Vergognatevi

    • Ma cosa c’entrano i Comitati? Grazie al loro impegno abbiamo avuto solo correzioni di errori degli enti pubblici, alcuni anche molto pesanti per i cittadini.

      • Lasolunga dice:

        Nando, è patetica questa difesa a oltranza dei comitati di cui ti fai certamente parte. È da sei mesi che sparate cazzate come quella dei navigatori da cambiare invece di occuparvi dei problemi seri del cantiere che va avanti solo a parole. I fatti sono che il comune ha chiuso via piemonte all’altezza di via Iseo, poi ha chiuso il collegamento tra via Ticino e via risorgimento e ora, con via Ticino e via meda ancora interrotte (tu e gli altri dei comitati a mangiare a dicembre coi politici, ANAS e Impregilo per la farlocca inaugurazione…), ha impedito la svolta a sinistra in via Piemonte. Solo dei cerebrolesi possono pensare che gli almeno 500 abitanti dell’isolato debbano per forza arrivare tutti da nord del viale Lombardia aggiungendosi in coda a quelli che già vi stanno e aumentando lo smog anche se arrivano da sud.

        • Ma non è vero, il cantiere sta andando avanti e anche speditamente, la posa del verde richiede tempi precisi. Stanno facendo l’impianto di irrigazione (7 km di tubi) poi faranno la semina e quindi mettyeranno i cespugli.
          Il tema dei navigatori non è certo primario, ma è importante: ci porta sopratunel migliaia di auto in più.

          Su via Piemonte, come mai nessuno ha detto niente quanto è stato chiuso di nuovo l’accesso a via Iseo? La trovo una vera sciocchezza, ma a me risulta che i residenti di via Piemonte sono contenti così… La proposta di fare un’iniziativa per riaprire non ha trovato consensi.

          • lasolunga dice:

            speditamente con un anno di ritardo…
            la questione dei navigatori non è primaria e nemmeno secondaria: si aggiusterà da sola a mano a mano che saranno aggiornati.

            non è vero che i residenti in via piemonte sono contenti così perchè l’avevano detto quando l’uscita su via ticino era anche un’entrata. adesso che (essendo chiusa via ticino) è praticamente solo un’uscita, come cacchio si fa tutti ad entrare?!?!?!? e sulla riapertura di via ticino e l’attraversamento di via meda che mi dici? i comitati tacciono (si vede che nessun loro “big” abita qui…).

            P.S. tra l’altro oltre alle circa 500 famiglie avete chiuso anche tutti gli utenti del collegio della guastalla, cioè altre centinaia di persone… loro, infatti, hanno due uscite e solo l’entrata da nord! vabbè che li ritenete ricchi, ma non credo abbiano tutti l’elicottero per atterrare in giardino…

          • migliaia di auto in più perchè non c’è il tunnel sui navigatori? lo sai quante sono migliaia di auto in più? ma che dici??

    • Tu sei di quelli che ” era meglio prima”, e’ vero…!?!?!? Ma vai a ca**re!!!

      • Lasolunga dice:

        No, io ero tra quelli che occupavano il viale perché volevano il tunnel. Tu sei il solito coglione che pensa solo a se stesso…

        • E allora!!!! Hai avuto qualcosa che persino Milano si sogna e che non ha eguali nel resto di Monza, cosa c**zo vuoi ancora ?!?!? Devono asfaltare con la polvere d’oro?!?!

          • lasolunga dice:

            Prova ad arrivare in via Piemonte e in via Calabria arrivando da Milano o dalle autostrade e poi ne riparliamo. é come se costringessero i vedanesi a tornare a casa da monza passando per villasanta e biassono… Qualcuno non sa fare il suo mestiere e ne pagherà le conseguenze con l’ennesima petizione od occupazione di viale…

    • In qualsiasi città grande e media (Milano, Brescia, Bergamo, ecc…) ci sono sensi unici e divieti di svolta per rendere il traffico più fluido. Perché a Monza non dovrebbe essere così?

      • Lasolunga dice:

        Parli così perché non conosci la zona. Ci sono centinaia di abitanti chiusi in un vicolo grazie al progetto demenziale di viabilità di superficie attuale. Facile parlare per voi che non vivete in viale Lombardia…

        • Conosco e non capisco perchè via Piemonte è chiusa da una parte. Fatela aprire!

  5. ma non diciamo cazzate che la gente “non vede” il tunnel..quelli che passano sopra sono i monzesi che non lo possono usare visto che non son state previste rampe di immissione . ma dire che chi arriva da milano “non vede” ilt unnel..ragazzi bevete di meno!!!

Articoli più letti di oggi