01 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Desio, Simone Sala, 24 anni, si schianta e muore in Valassina con la moto appena comprata

Desio, Simone Sala, 24 anni, si schianta e muore in Valassina con la moto appena comprata

7 Aprile 2014

La gioia dei suoi 24 anni e quella di un sogno appena realizzato: la moto nuova, fiammante, una potente Honda 600. Ma spesso la vita è “infame” e ti spacchetta, all’improvviso, drammatiche sorprese. Come una sbandata, uno schianto. Una morte, così giovane, in un sabato pomeriggio di sole e speranze. E’ Simone Sala, di Desio, la vittima dell’incidente avvenuto a Verano, lungo la Valassina.

Il ragazzo era partito poco prima dalla sua casa di via Roma a Desio, insieme a un amico, per andare a provare l’ebbrezza della prima gita verso il lago, con la sua nuova moto. A un certo punto, però, l’imprevedibile: perde il controllo e si va a schiantare – per cause ancora da accertare con precisione – contro il guardrail. L’impatto è tremendo, tanto che lui e la Honda fanno un volo di decine di metri. L’amico chiama subito i soccorsi. Che, però, risultano vani. L’elicottero lo trasporta al Niguarda, ma poco dopo non c’è più niente da fare. Oggi, probabilmente, ci sarà l’autopsia, poi la salma verrà affidate ai famigliari, per i funerali.

Simone viveva con la madre, in una elegante palazzina nel quartiere Prati. Aveva cambiato casa da un anno, spostandosi di poche centinaia di metri. Lavorava, era fidanzato, aveva tutta una vita davanti a sè. “Un ragazzo bravo, educato, gentile”, lo ricorda un vicino.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Mirko Dado


Commenti

  1. Una marea di motociclisti prendono la valassina stile autodromo. stamattina nello stesso punto della tragedia una moto ha tagliato a velocità folle le tre corsie per uscire allo svincolo, senza freccia, facendo lo slalom…Ovviamente tutto questo è consentito visto la totale assenza di autovelox e di controlli.,Poi si piangono le tragedie.

    • Andrea dice:

      Può anche essere che ci siano dei matti in strada, ma generalizzare mi sembra un pò azzardato.. Altrimenti dovremmo anche parlare degli automobilisti con il telefonino tra le mani che hanno spezzato tante vite di giovani, e non, motociclisti… Un abbraccio forte alla famiglia. r.i.p.

      • beh calcolando che non aveva nemmeno la patente ma solo il foglio rosa, in valassina non ci poteva nemmeno andare..

        • Caro sig. IMPARATORE se ci fosse stato suo figlio su quella moto???? Non avrebbe voluto che il servizio sanitario avrebbe fatto il suo dovere?? X tentare di salvare la vita di un ragazzo??? E io pur essendo completa estranea tutti i soldi del mondo… non compensano la vita di un ragazzo!!!! Quindi grazie al servizio sanitario.. e grazie alla gente di buon senso… non tutti siamo animali feroci e cattivi… x fortuna!!! Sig. GIO e’ vero che con il foglio rosa non si puo’ andare… ma e’ anche vero che lo fanno tutti… nello specifico e’ stato accertato che non correva e quindi non aveva preso la valassina come autodromo… e’ stato solo un brutto destino…. PS: concludo, e facile giudicare gli altri…. se fosse capitato a voi??? Cerchiamo di essere piu’ umili e intelligenti… ce’ una famiglia distrutta!!!!

  2. ,Imparatore, dice:

    Non c’è niente da fare, motociclisti tutti uguali…
    Per fortuna non ha ferito altri e non ha causato troppe spese al Servizio sanitario

    • Invece gli automobilisti che stanno al cellulare oppure svoltano corsia senza indicatori di direzione sono santi? Chi ti ha eletto come giudice?

  3. marcoL dice:

    basterebbe mettere, come sulla A4, i tutor, così gli emuli di Valentino e quelli di Vettel sono costretti ad andare nei limiti..

  4. Ma chi ti credi di essere…la polizia stradale ha stabilito il contrario, sei un bugiardo ed un ipocrita. Portate tutti rispetto per la vita, senza commentare con sciocchezze varie.

Articoli più letti di oggi