19 Aprile 2021 Segnala una notizia
"Auto pazza" schiantata in centro Monza. Parla un testimone

“Auto pazza” schiantata in centro Monza. Parla un testimone

23 Aprile 2014
Correva forte, ha bruciato due semafori e poi ha preso in pieno due auto. I suoi compagni di “viaggio”, dopo lo schianto, sono fuggiti.
E’ accaduto tutto venerdì notte in pochi attimi. Una Renault grigia che viene vista sfrecciare dal ponte della Rinascente senza arrestare la corsa al semaforo rosso, superando le auto in colonna, poco dopo le 23.20.
La stessa auto non si ferma nemmeno al semaforo rosso all’incrocio con via Cavallotti. Arrivata in via Manzoni, senza nemmeno frenare, impatta contro un’auto che sta svoltando a sinistra e frontalmente con una seconda macchina diretta in via Cavallotti.
Nessun ferito grave, per fortuna, ma tanta paura. “Un secondo prima non c’era, poi mentre stavo svoltando, mi sono visto i fari addosso – racconta un giovane protagonista del sinistro – ha tentato di evitarmi ed ha preso frontalmente un’altra macchina. Non ha nemmeno frenato”.
L’autista dell’auto impazzita, molto probabilmente la stessa vista qualche attimo prima sfrecciare da Largo Esterle, è stato descritto dai testimoni come “visibilmente alterato dall’alcol”, tant’è che persino la Polizia Locale intervenuta avrebbe faticato a contenere le sue scenate di rabbia. L’uomo, un italiano sui 40 anni, non era solo in auto. Pare, però, che le due persone che si trovavano a bordo, siano fuggite appena dopo l’impatto.
Foto archivio MBNews

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi