25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Asl, sul concorso è mistero. Le ostetriche escluse protestano

Asl, sul concorso è mistero. Le ostetriche escluse protestano

14 Aprile 2014

Hanno fatto sentire la propria voce con un picchetto di protesta venerdì mattina, davanti alla sede Asl MB, le ostetriche escluse dopo il concorso per due posti a tempo indeterminato nei consultori della Azienda Sanitaria Locale. Erano circa 500, da tutta Italia, giovedì mattina, al Pala Desio per sostenere la prima prova scritta. Dopo la pubblicazione dei risultati la reazione, prima in rete e poi davanti alla sede provinciale dell’Asl. Motivo del contendere? Solo 7 hanno superato la prova di cui 5 con punteggio massimo. Non solo: una di loro ha lavorato già in Asl. Qualcuno storce il naso.

L’Asl si difende con una nota stampa: «Questa mattina ai cancelli della ASL di Viale Elvezia 2, a Monza, si è radunato un gruppo di candidati non ammessi alla prova odierna ed una delegazione in rappresentanza dei candidati esclusi è stata ricevuta dal Commissario Straordinario, Matteo Stocco, dal Direttore Amministrativo, Filomena Lopedoto e dal Direttore Sanitario, Patrizia Zarinelli. Durante l’incontro, la Direzione aziendale ha risposto a tutte le domande della delegazione; in particolare sono state date informazioni aggiuntive sulla modalità di svolgimento delle prove, sulle caratteristiche del profilo professionale richiesto e sulla modalità di accesso agli atti, domanda che è stata compilata e depositata al termine dell’incontro. Inoltre, alla specifica richiesta circa la presenza in graduatoria di una dipendente della ASL, è stato confermato che una candidata ha avuto un rapporto di lavoro a tempo determinato conclusosi lo scorso settembre. La Direzione aziendale ha operato nel rispetto della normativa vigente e nella trasparenza degli atti amministrativi».

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi