01 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Sgominata la "banda del bar", diciassette rapine messe a segno

Sgominata la “banda del bar”, diciassette rapine messe a segno

8 Marzo 2014

Pianificavano al tavolino del bar gli obbiettivi per le rapine, facevano i sopralluoghi e poi entravano in azione. Il giochino ha funzionato per ben 17 volte, forse qualcuna di più, fin quando i carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza non li hanno individuati tutti e dieci (in due trance diverse) ed assicurati alla giustizia.

Quattordici banche, due uffici postali ed una gioielleria, sono i colpi accertati ad oggi a carico del gruppo criminale, nelle provincie di Milano, Monza, Lodi e Cuneo. Grazie ad un’indagine dei carabinieri, coordinata dalla Procura di Monza e denominata “Girasole” (dal nome del locale punto di ritrovo del gruppo criminale), questa mattina sono state arrestate sette persone (tre erano già state fermate).

Le indagini sono partite nel novembre 2011, subito dopo una rapina messa a segno in una filiale della Banca Popolare del Credito per l’Industria di Solaro (Monza). In quell’occasione due soggetti armati di taglierino avevano rapinato 5000 euro, riuscendo a fuggire a bordo di un’auto portata via ad una donna che si trovava nei pressi della banca.

L’arresto del 50enne G M., riconosciuto dagli inquirenti uno dei presunti basisti del gruppo, pluripregiudicato per rapina, assiduo frequentatore del bar “Girasole” di Quarto Oggiaro, hanno permesso ai carabinieri di risalire ad un gruppo di pregiudicati con i quali organizzava i colpi, pianificando attentamente ogni mossa.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi