04 Marzo 2021 Segnala una notizia
Ex Centrale del latte: in arrivo oltre 10mila metri cubi di cemento

Ex Centrale del latte: in arrivo oltre 10mila metri cubi di cemento

5 Marzo 2014

Sull’area dell’ex Centrale del Latte di Monza sorgerà un nuovo complesso residenziale. Dopo il via libera di massima dello scorso autunno, la giunta di Roberto Scanagatti ha approvato in via defintiva il progetto avanzato dall’operatore privato proprietrio del terreno di via Aguilhon.

Il piano prevede la costruzione di un edificio di oltre 10 mila metri cubi, sfruttando quasi completamente i 4 mila metri quadrati del lotto (il mancato impiego di tutta l’area dovrebbe garantire al privato uno sconto). Il piano d’intervento prevede poi una serie di opere che il privato dovrà eseguire a favore della collettività.

Al di là dei soliti lavori di urbanizzazione come nuovi marciapiedi e illuminazione, è stata prevista anche la realizzazione di un giardino pubblico, la cessione di un’area che sarà destinata a parcheggio e il versamento finale di quasi 200 mila euro a titolo di oneri di urbanizzazione.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. Sergio Andreani dice:

    Finalmente con la Giunta Scanagatti la cementificazione di Monza ha avuto termine !
    Guai se prevalessero Lega Nord e Forza Italia.

    • E cos’altro avrebbero dovuto farci, scusa ? Un parchetto pubblico ? Lo sai cosa gira di notte nei giardinetti pubblici, vero ? E poi un impianto industriale rimpiazzato da un edificio residenziale + parcheggio + verde mi sembra già un buon passo avanti …

    • Buoni quelli!! meno male che non prevalgono!!!

  2. però dovete smetterla di sparare sti titoli.c’è un impianto industriale ( quindi non c’è verde, niente di niente, solo una cosa ABBANDONATA) al suo posto, fanno case parcheggio e un pò di verde. non è che per forza ogni costruzione va a peggiorare l’area. Io ho sotto gli occhi la zona auchan. prima prato incolto terra di sbandati, drogati, irregolari e prostitute. Ora, centro commerciale, viabilità migliorata, parco utilizzabile da tutti.

  3. Il titolo in effetti fa schifo, sembra che mettano la un CUBO di 10.000 metri cubi pieno di cemento..”eddai” giornalisti, utilizzate parole un tantino più corrette!
    Per altro il cemento in edilizia viene utilizzato sempre meno, vista l’enormità di nuovi materiali a disposizione!
    Resta il fatto che ci sarà una nuova volumetria (sarebbe interessante avere il confronto esatto tra la volumetria demolita dei vecchi stabili e quella concessa).
    Rimane comunque un fatto di coerenza. Non è che ora non si possa più costruire, ma ricordando i toni del PD, Scanagatti in primis, durante la campagna elettorale, dove si prometteva di fermare le edificazioni, siamo davanti ad una bella anomalia! E non mi si dica che non si poteva fermare, visto che in questa città l’attuale amministrazione fa costruire solo dove ritiene opportuno, mentre fermano altri interventi politicamente “scomodi”, e gli esempi ormai iniziano ad essere parecchi.
    Ciò detto, anche un pollo lo può capire, non sono i “metri cubi” che contano, ma i metri cubi in funzione dell’area occupata (ed in effetti si cita, 4000 metri), ma soprattutto i valori di altezza degli edifici in funzione a quelli circostanti che, in quel caso, sono spesso molto più bassi. E’ li che si va a creare una disomogeneità urbanistica.

    • MassimoC dice:

      In soldoni, Luca, di quanti piani sarà, lo stabile? Non ho idea di quanto siano 10k di metri cubi. E che tipo di case saranno? Residenziali o popolari?
      Ad ogni modo, non è sufficiente dire “vabbè, tanto già da prima l’area era cemenificata”: nuovi abitanti significano nuovo ulteriore traffico, nuove richeiste di asili, servizi…. far cassa nell’immediato corrisponde ad una spesa dieci volte tanto nella media-lunga distanza!

Articoli più letti di oggi