04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Monza, all'Autodromo è tornata la voce. Vignando resta speaker

Monza, all’Autodromo è tornata la voce. Vignando resta speaker

12 Marzo 2014

Retromarcia in Autodromo. Luigi Vignando, storica voce del circuito monzese, resta al timone del microfono anche per il 2014. È lo stesso speaker e giornalista ad annunciarlo attraverso il proprio profilo Facebook dopo una riunione con i vertici Sias. Un sospiro di sollievo per le centinaia di tifosi che avevano accolto con poco celato dissenso la notizia dello scorso febbraio, quando pareva certo il licenziamento di Vignando. Ecco le sue parole.

“Cari Amici, dopo avere trascorso giornate di autentica sofferenza, posso finalmente darvi una buona notizia!! In questi ultimi giorni ho chiesto di confrontarmi nuovamente con i vertici della SIAS, la società che gestisce l’Autodromo Nazionale di Monza, e così è stato. Ci siamo rivisti con l’intento di capire e cercare di rimuovere i contrasti e le mie incomprensioni sulle effettive volontà che SIAS aveva sul nostro futuro. Negli incontri abbiamo rimosso le incomprensioni tanto che ora posso confermare, che per il 2014, continueremo a lavorare per Monza sia nelle veste di speaker sia come promotori e custodi del magico archivio del Tempio della Velocità. Per questo risultato voglio e devo ringraziare ciascuno di voi: amici, semplici appassionati e colleghi per l’enorme e commovente supporto ricevuto! Avremo uffici nuovi, ubicati nel cuore della Magica Storia del Nostro Circuito, uno studio dal quale continueremo la lotta per il bene per la Nostra Monza!!! Spero di incontrarvi tutti quest’anno a Monza e comunque da queste pagine. Vi terrò costantemente informati!”

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi