25 Febbraio 2021 Segnala una notizia
Lo sport? È solo a Monza. Tutto il resto è noia...

Lo sport? È solo a Monza. Tutto il resto è noia…

14 Marzo 2014

È sbocciata la primavera per lo sport monzese. In quasi tutte le discipline di squadra i colori della città brillano ai piani alti delle rispettive classifiche. E i tifosi e gli appassionati di calcio, pallavolo, pallanuoto, rugby, pallacanestro e hockey su pista tornano a sognare.

Non si può ancora confrontare la situazione attuale con quella degli anni d’oro della Monza sportiva per via del livello dei campionati, una volta più di prestigio, però non è sbagliato definire il momento attuale come il Risorgimento dello sport cittadino.

calcio-Monza-pubblico-mbAvete dei dubbi? Leggete un po’ questa analisi, che non vuole essere esaustiva perché nel capoluogo della Brianza la ricchezza di società e discipline, molte praticate a livello individuale, è tale da essere portata ogni tanto da esempio da importanti esponenti del Coni. Dal punto di vista della varietà, insomma, Monza non ha nulla da invidiare alla vicina e luccicante Milano. Per i risultati è evidente che si soffre la grandezza della metropoli, che peraltro porta via molto pubblico e tanti sponsor.

partita-monza-calcio-cuneo-2014 (2)Da cosa cominciamo? Beh, dal re degli sport: il calcio maschile. Il Monza Brianza 1912 è attualmente al terzo posto ex aequo nel suo girone di Seconda Divisione (quarta serie), categoria che a fine stagione scomparirà. Le prospettive di un’ammissione alla Prima Divisione, in pratica la Serie C unica, sono dunque rosee. Inoltre la squadra biancorossa si è qualificata per la doppia finale di Coppa Italia Lega Pro: mercoledì prossimo allo stadio Brianteo si accenderanno le luci per la gara di andata contro la Salernitana, compagine di categoria superiore. L’evento è annunciato in città da una decina di striscioni appesi dagli ultras e da centinaia di volantini distribuiti nei locali pubblici dalla società. Che ha da un anno una nuova proprietà che accende speranze almeno di un ritorno in Serie B: il presidente inglese Anthony Armstrong-Emery pare abbia già investito quattro milioni di euro per gettare le basi per un grande rilancio. Tra i progetti del costruttore britannico c’è addirittura il rifacimento quasi totale del Brianteo per trasformarlo in un impianto polivalente, da chiudere all’occorrenza. Lo stadio è comunale, ma se lui e altri soci fanno vedere i 30 milioni di euro che servono, il club pallonaro ultracentenario potrebbe ottenere dall’Amministrazione municipale una concessione d’uso pluridecennale.

Vero-Volley-Monza-vs-Tonazzo-Padova16Passiamo alla pallavolo, sport regina per via dell’altissimo numero di praticanti non solo tra i maschi, ma anche tra le femmine. Il Vero Volley Monza, tra gli uomini, e il Saugella Team Monza, tra le donne, facenti parte dello stesso consorzio, stanno disputando due ottimi tornei di Serie A2. La squadra maschile è seconda e domenica prossima al Pala Iper, se dovesse battere la capolista per 3-0 o per 3-1, sarebbe già promossa nella massima serie, altrimenti disputerà i play-off promozione. Per spingere i monzesi ad andare a sostenere i ragazzi biancorossoblù si è mosso persino il Comune, che ha inviato un messaggio a tutti gli iscritti al servizio MonzaSMS. Da parte sua il Consorzio Vero Volley si è mobilitato come non mai, realizzando pure un bel video promozionale. Si prevedono 3-4mila spettatori, come capitato qualche anno fa per le partite di play-off scudetto della scomparsa Acqua Paradiso Monza Brianza: non c’è male… Le biancoblù della squadra femminile, anch’esse di casa al Pala Iper, sono invece quarte ex aequo in graduatoria e dovrebbero giocarsi la promozione nella massima serie nei play-off.

pallanuoto-monzaUn’altra compagine che punta decisamente alla massima serie è la BPM Sport Management di pallanuoto maschile, prima (e imbattuta) nel suo girone di Serie A2. Al BPM Palace i dirigenti gialloblù guardano già ai play-off promozione con malcelato ottimismo. Da sottolineare anche l’apprezzabile iniziativa di voler stringere amicizie con le società cittadine dei cosiddetti sport minori. Il primo gemellaggio a essere suggellato ha interessato il Monza di hockey su pista.

rugby-monza-2014Il livello è più basso, ma i risultati sono positivi pure nel rugby. Il Grande Brianza, tra gli uomini, e il Monza 1949, tra le donne, anch’essi club “collegati”, si apprestano a un finale di stagione da vivere intensamente al centro sportivo Pioltelli. I biancoverdi sono secondi nel loro girone di Serie C (quarta e ultima serie), categoria che a fine stagione si scinderà in Serie C1 e Serie C2: se dovesse sfumare la promozione in Serie B si punterà almeno all’ammissione al penultimo livello. Le biancorosse, invece, sono quarte nel loro girone di Serie A (categoria unica), ma avendo due partite da recuperare hanno ancora la possibilità di acciuffare i play-off scudetto. Per il rugby potrebbe valere il discorso del calcio riguardo a un ritorno ai fasti di un tempo (il Monza 1949 è stato nella massima serie dal 1956 al 1960): Armstrong-Emery, cioè il proprietario del sodalizio della palla rotonda, da ex giocatore della disciplina della palla ovale desidera infatti fortemente mettere sotto la propria ala tutto quanto ruota attorno al campo Chiolo. Se son rose (quella rossa dei Lancaster è il simbolo della Nazionale di rugby inglese) fioriranno…

Basket RenoldiAnche nella pallacanestro maschile è cominciata la risalita: Forti e Liberi Monza 1878 e Gerardiana Monza sono rispettivamente seconda e terza ex aequo nel campionato di Promozione (settima serie). L’obiettivo di entrambe è qualificarsi per i play-off promozione. Rispetto ai biancorossi del quartiere San Gerardo, però, i bianconeri ambiscono a tornare un giorno in terza serie, categoria che li ha visti protagonisti per diversi anni. Il derby di andata al NEI se lo sono aggiudicato loro: domenica 27 aprile è in programma quello di ritorno al Pala Forti e Liberi.

palazzetto-biassono-hockey-monza-perego-tifosi-mbLo sport che ha regalato più scudetti alla città è l’hockey su pista: Monza (siglato HC) e Roller Monza ne hanno messi in bacheca complessivamente undici. Ora in attività è rimasto il Monza (quello siglato HRC), che è terzo nel suo girone di Serie B (terza e ultima serie). Al di là della forte volontà di raggiungere la final eight promozione, c’è da plaudire dirigenti, tecnici e giocatori per l’entusiasmo che hanno saputo riportare (purtroppo al Pala Rovagnati di Biassono a causa della cronica mancanza di spazi per il rotellismo nel capoluogo provinciale) in una piazza che ha amato e non potrà mai smettere di amare quello che non solo è uno sport, ma un patrimonio culturale del nostro territorio. Non a caso il club biancorossoazzurro ha organizzato una mostra molto apprezzata dagli appassionati in occasione dell’ultima partita di campionato, che ha visto la partecipazione di un numeroso e caloroso pubblico.

sharks-monza-onlusA proposito di ruote e bastoni, e di scudetti, non si può non parlare degli Sharks Monza, squadra di hockey in carrozzina campione d’Italia nel 2000. Attualmente la compagine biancorossa è prima ex aequo (ma con una partita in più) nel suo girone di Serie A1. Alla palestra Bellani si sogna anche quest’anno il tricolore.

Da una Onlus all’altra, Monza può vantare anche una società come la Brianza Silvia Tremolada, fiore all’occhiello dello sport non solo cittadino. La polisportiva per diversamente abili ha recentemente partecipato ai campionati assoluti invernali di nuoto paralimpico. Su 47 club partecipanti si è classificata nel medagliere open al quinto posto ex aequo.

Monza Montevecchia 2013 - Il gruppo Monza Marathon TeamChe lo sport sia un pilastro della crescita civile e sociale della città non saremo noi a ribadirlo con le solite argomentazioni. Vogliamo solo evidenziare una cosa, che parla da sola. Sul sito internet della società podistica Monza Marathon Team, oltre alle solite sezioni (Info, News, Gare, Foto, Video, ecc.) ce n’è una di importanza uguale alle altre: si chiama Charity. Dentro si trova l’elenco delle numerose iniziative benefiche e di raccolta fondi organizzate dal sodalizio. L’ultima? Tremila euro donati al Comitato Maria Letizia Verga.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Camillo Chiarino
Monzese da sempre, ma frequento assiduamente la Brianza perché amo la quiete e la natura. In particolare adoro la Valsesia, la terra dei miei antenati paterni. Giornalista professionista "tuttologo", mi piace scrivere in particolare di politica e sport. Sono tifoso di tutte le squadre cittadine di qualsiasi disciplina e seguo da vicino le partite del Monza 1912, della Vero Volley Monza e della Saugella Monza. A proposito di pallavolo, l’ho praticata per 17 anni in società della zona, ma quando capita non mi tiro indietro a giocare a nulla, soprattutto se l’invito arriva da una esponente del gentil sesso… Mi piace molto navigare in internet, visitare mostre e monumenti e assistere a concerti, in particolare di musica folk e celtica.


Commenti

  1. fino alla fine il calcio Monza.
    il resto non è che non mi interesserebbe ma non rappresenta la città
    il volley è milano, la pallanuoto verona … oggi sono qua, domani dove pagano meglio.

    • MassimoC dice:

      No Luca, calma: il volley è vero che viene da Milano, ma ancora prima era già di Monza, altro non era che la Pro Victoria di S. Biagio. La quale preferì emigrare nella città meneghina per la concorrenza del Montichiari, già trasferitosi qui.
      Pane al pane, vino al vino.
      Quanto alle squadre “prestate”, penso che dovremo abituarci: nell’era della globalizzazione purtroppo questi fatti accadono e ne accadranno sempre di più, non solo a Monza ma senz’altro in tutti’Italia, e probabilmente in tutta l’Europa.
      Speriamo che almeno il calcio e l’hockey, che qui hanno veramente radici e tradizione, si salvino. Col primo ci aveva provato Berlusconi a togliercelo, durante l’affiliazione al milan (gli anni più bui della nostra storia), per fortuna gli è andata male. Il secondo rinasce dalle sue ceneri dopo vent’anni di assenza, speriamo che duri.
      Forza Monza, in tutte le sue accezioni.

      • L’abbraccio mortale con il bilan è stato la rovina per il Monza, prima era una squadra ben strutturata, con una propria dignità, dopo è stato… un rottame, un contenitore vuoto. Speriamo bene ora…

  2. Vero Monzese dice:

    Sig. Camillo Chiarino,
    Ma la pagano anche per scrivere queste fesserie? Come ha detto Luca qui sotto, lei sta celebrando eccellenze di altre città, venute a Monza solo per una gestione scellerata degli impianti comunali dati dall’amministrazione a gente esterna.

    Vada a vedere quanti TIFOSI ha lo sport management di VERONA a vedere le partite. E dico tifosi.

    Sono talmente imbarazzanti che gli striscioni per incoraggiare i propri giocatori (di cui neanche uno monzese, come mai?) li ha dovuti fare la società stessa.

    Vada a vedere se c’è mezzo coro o incitamento da parte dei presenti.

    E in che modo rappresenta la città? Talmente rappresentativi che non ci hanno pensato 2 volte a ribattezzare un’impianto per un’assessore scomparso in un’impianto della BPM.

    Meno male che nella sua bio c’è scritto Monzese da sempre. Mi sa che la deve cambiare in “Monzese per opportunità”,

    Saluti.

    • Camillo Chiarino dice:

      Il suo commento è indegno come quello di ieri degli ultras della Juventus nei confronti della vedova Scirea. Ha scritto una montagna di sciocchezze e falsità. Probabilmente è uno di quelli che “rosica” per interesse diretto a causa della presenza di una delle società che attacca…

  3. franco dice:

    Chiedo scusa mi permetto di sottolineare che a Monza ci sono altre realta’ sportive che meritano di essere segnalate, come ad esempio la societa’ sportiva Atletica Monza. Societa’ che svolge la sua attivita’ presso la struttura di viale Cesare Battisti, conta 410 iscritti ed’ ha fra i suoi atleti di punta campioni di caratura Nazionale e Internazionale. La sua straordinaria attivita’ ha avuto ampio riconoscimento da parte della Fidal Nazionale che le ha assegnato l’organizzazione di gare campestri a livello regionale e nazionale.
    Da quest’anno poi la societa’ vanta tra i suoi tesseratiun atleta che punta a qualificarsi per i campionati mondiali.
    Da segnalare la partecipazione della societa’ ai recenti campionati italiani di campestre svoltisi lo scorso fine settimana a Treviso, con otti i risultati.
    E questo, egregio giornalista, e tutto fuorche’ noia.

    • Camillo Chiarino dice:

      Mi aspettavo che qualcuna delle centinaia di società sportive di Monza si offendesse perché non rientra nell’articolo e proprio per questo nel pezzo a un certo punto ho scritto: “Leggete un po’ questa analisi, che non vuole essere esaustiva perché nel capoluogo della Brianza la ricchezza di società e discipline, molte praticate a livello individuale, è tale da essere portata ogni tanto da esempio da importanti esponenti del Coni”. Ciò nonostante un permaloso dell’Atletica Monza si è risentito e me ne dispiace molto, anche perché ho grande ammirazione per il club in questione e ho apprezzato moltissimo l’idea di proporre la scorsa estate il salto in alto in piazza Trento e Trieste. È stata una splendida iniziativa che ho voluto tenere a ricordo con foto e video. E mi auguro che venga ripetuta ogni anno, magari cambiando disciplina atletica. Se non ho citato l’Atletica Monza nell’articolo è perché lo stesso si limitava a sottolineare il buon momento delle squadre monzesi. Per quanto riguarda le discipline dove si gareggia perlopiù a livello individuale ho segnalato solo due casi per il loro aspetto sociale. Infine, faccio notare che anche il titolo non è stato per niente capito. Mi pare ovvio che si intenda che a Monza c’è tutto per divertirsi con lo sport, senza bisogno di andare fuori città o di chiudersi in casa a guardarlo in tv. Quello è noioso…

    • Camillo Chiarino dice:

      Mi aspettavo che qualcuna delle centinaia di società sportive di Monza si offendesse perché non rientra nell’articolo e proprio per questo nel pezzo a un certo punto ho scritto: “Leggete un po’ questa analisi, che non vuole essere esaustiva perché nel capoluogo della Brianza la ricchezza di società e discipline, molte praticate a livello individuale, è tale da essere portata ogni tanto da esempio da importanti esponenti del Coni”. Ciò nonostante un permaloso dell’Atletica Monza si è risentito e me ne dispiace molto, anche perché ho grande ammirazione per il club in questione e ho apprezzato moltissimo l’idea di proporre la scorsa estate il salto in alto in piazza Trento e Trieste. È stata una splendida iniziativa che ho voluto tenere a ricordo con foto e video. E mi auguro che venga ripetuta ogni anno, magari cambiando disciplina atletica. Se non ho citato l’Atletica Monza nell’articolo è perché lo stesso si limitava a sottolineare il buon momento delle squadre monzesi. Per quanto riguarda le discipline dove si gareggia perlopiù a livello individuale ho segnalato solo due casi per il loro aspetto sociale. Infine, faccio notare che anche il titolo non è stato per niente capito. Mi pare ovvio che si intenda che a Monza c’è tutto per divertirsi con lo sport, senza bisogno di andare fuori città o di chiudersi in casa a guardarlo in tv. Quello è noioso…

      • franco dice:

        Permaloso e’ lei che non accetta una critica ad un suo articolo.
        Atletica Monza non’e’ asta in piazza ma sport x tutti con atleti di livello nazionale. Atletica Monza e’ centro Cas dove si avviano i ragazzi alla pratica sportiva insegnado loro i principi del rispetto, della solidarieta’ e dell’integrazione. Anche questo e’ sociale.
        Atletica e’ prestazione individuale ma e’ sopratutto gruppo, e’ comunita’ e condivisione di obiettivi. Guai se non fosse cosi.
        Ovviamente, senza offesa, lei non conosce questa realta’. La invito a venirci a trovare sul campo, quando vuole e non per scrivere un pezzo ma solo cosi per conoscerci meglio.
        f

        • Camillo Chiarino dice:

          Il problema è che le sue critiche sono infondate perché non ha capito che l’articolo si occupava solo degli sport di squadra e non ha neppure capito, e questo è già significativo, il titolo del pezzo. Gli aspetti sociali che cita lei sono comuni di almeno il 90% delle società sportive. E le assicuro che di società brianzole ne ho conosciute bene in vita mia a decine. E di alcune ho fatto anche il dirigente, peraltro frequentando pure corsi ad hoc. Dunque mi chiedo: ma fare il dirigente sportivo da voi è così frustrante da sentirsi una nullità se non si viene citati in un articolo che non vi riguarda? O forse è solo un problema suo?

          • Vedo che rispetto ed educazione le fanno difetto.
            Grazie comunque x avermi dedicato un po del suo preziosissimo tempo da luminare.

          • Camillo Chiarino dice:

            Visto che adesso si firma come un cane, non ho capito se lei è franco o vero monzese. In ogni caso è patetico.

  4. Speriamo che il Monza (parlo di calcio, ovviamente) ce la faccia a risalire verso posizioni più consone alla sua storia e alla dimensione della città. Essere in C2 è davvero umiliante. Non dico di puntare alla A, però almeno una dignitosa B …

  5. ForzaMonza dice:

    Monza è calcio e hockey. più un pizzico di basket con la forti e liberi.
    il resto è solo dimostrazione che siamo una città di immigrati.
    tralasciando la vergogna della pallanuoto che ha pure cambiato nome all’impianto (mettendo uno sponsor al posto di una persona deceduta!!!!!), mi fa schifo pure il volley milano ex Monza tornato Monza domani magri Canicattì!
    come le puttane, vanno dove porta il portafoglio. se domani 4 mila abitanti di Monza (non monzesi) andranno a vedere l’inutile partita di pallavolo auguro loro che il comune non aumenti l’affitto, sennò la A1 la vedranno altrove.
    i monzesi, meno di mille presumo, saranno come sempre al Brianteo a soffrire per 103 anni di storia che tra 100 anni sarà ancora li.

  6. Bello vedere come siate tutti evidentemente arricchiti da quei valori che lo sport, anzi lo Sport, propone.

  7. ilmantovano dice:

    Signor Chiarino, ma non era monzese sta squadra? Veronese, città di Mantova… “a Milano (neanche Monza) solo per esigenze di sponsor” ….
    Si guardi il video…..
    http://www.youtube.com/watch?v=eaqbOKMj_us&list=PLM0Gdq8tevj8SOMgxbxIjm52RfzpD-Xud
    Saluti….

    • Camillo Chiarino dice:

      E’ una squadra monzese d’adozione. Mi risulta che la prossima stagione si trasferirà nella nostra città anche per gli allenamenti e che adotterà i colori biancorossi. E forse aggiungerà la parola Monza a Sport Management. Detto questo, la dichiarazione del presidente “verso Milano” la ritengo uno spiacevole scivolone.

      • ilmantovano dice:

        Signor Chiarino,

        mi permetta di suggerirle di leggere questo articolo della nostra città:

        http://gazzettadimantova.gelocal.it/sport/2013/08/11/news/pallanuoto-addio-in-a2-la-sport-management-giochera-a-monza-1.7567496

        ma sopratutto a questo articolo che è storia:

        http://gazzettadimantova.gelocal.it/sport/2010/12/21/news/addio-alla-pallanuoto-1.131964

        Noi adesso a Mantova non abbiamo più niente. Vi auguro che non capiti anche a voi. Perché mi creda, se pensa che durerà tanto, si sbaglia. E non appena se ne andranno o non vorranno spendere più soldi, a monza non rimarrà più nulla. E lei, incensadoli aiuta solo che questo processo avvenga più facilmente.

        Saluti.

        • Camillo Chiarino dice:

          Premesso che non credo alla sua origine mantovana, ma piuttosto a un suo interesse diretto per il centro natatorio, gli articoli che ha linkato sono interessanti, ma non spostano il mio pensiero sulla situazione, che è quello di benvolere la Sport Management se gestirà al meglio il centro natatorio senza ridurre gli spazi al Nuoto Club Monza. In caso contrario, non ci penserò due minuti a schierarmi dalla parte di chi svolge attività sul territorio brianzolo dal 1991… Insomma, più che a me ritengo che quei due link andrebbero inviati per conoscenza al sindaco e al consigliere delegato allo Sport, giusto perchè non ricaschino negli stessi errori dei colleghi di Mantova.

          • ilmantovano dice:

            Sono un exdirigente della Mantova PN (e come può capire arrabbiato con Sport Management), che appasionato di questo sport segue grazie ad internet la pallanuoto in generale e le vicende dello sport management (visto che gestiscono anche la nostra piscina). Il vostro sito fa sempre i commenti alle partite, per questo lo seguo. Detto questo la invito a contattare il nostro ex presidente (Ernesto Morselli), che sarà certamente disponibile ad un “racconto della nostra storia”. Riguardo agli articoli, se lo ritiene opportuno li inoltri pure alle persone da lei indicate, magari vi aiuteranno a salvaguardare la vostra realtà. Saluti

Articoli più letti di oggi