04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Lissone, 554 firme per dire “no” al gioco d'azzardo

Lissone, 554 firme per dire “no” al gioco d’azzardo

14 Marzo 2014

Saranno 554 le firme che l’amministrazione di Lissone domenica 30 marzo consegnerà simbolicamente nelle mani del Presidente della Camera, Laura Boldrini, presso gli stand della Fiera “Fa’ la Cosa Giusta”. La raccolta, conclusasi sabato scorso, ha superato l’obiettivo figurato in partenza, 500 firme, e ribadisce l’impegno della città del mobile contro il gioco d’azzardo e le sue negative dipendenze.

Il Comune di Lissone ha aderito tra i primi al “Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” e il suo Consiglio comunale ha approvato una mozione in materia, proclamando Lissone una “città no slot”.

Diverse le iniziative lanciate in questi anni: il censimento e le facilitazioni fiscali concesse agli esercizi pubblici che per libera scelta non hanno installato nessuna slot machine nei propri locali; l’organizzazione di una “Settimana No Slot” durante la quale nei locali aderenti si è giocato a dama, freccette, scacchi… anziché a denaro; un incontro pedagogico della serie “Genitori e figli” dedicato a “Bimbi e gioco d’azzardo: come trasmettere valore, significato e buon uso del denaro”; il convegno: “Ma che gioco è?”.

La raccolta di firme per la legge nazionale, effettuata a Lissone a partire da dicembre con il contributo del Circolo Don Bernasconi, dello Spi Cgil e della Caritas e con la presenza in piazza di tutta la Giunta e i consiglieri comunali di maggioranza, corona un lungo cammino di sensibilizzazione.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi