24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Judo: Gianni Maddaloni porta in Brianza l'"Oro di Scampia"

Judo: Gianni Maddaloni porta in Brianza l'”Oro di Scampia”

11 Marzo 2014

L’Oro di Scampia in visita in Brianza. Sabato 15 marzo e domenica 16 marzo Lissone e Monza ospiteranno Gianni Maddaloni, maestro di Judo cintura nera, padre dell’olimpionico Pino Maddaloni, fortemente impegnato contro l’illegalità con la sua palestra di Judo.

Sabato, Maddaloni dalle 15 alle 18,30 sarà ospite a Lissone, presso il Palazzetto dello Sport Piermarini – Scuola “TASSO” (Judo Club Lissone) via Piermarini, per uno stage di judo aperto alle società sportive judoistiche di Monza e Brianza. Alle 21, a Monza presso la Sala Conferenze dell’Associazione Industriali Monza Brianza, vialle Petrarca 10, presenzierà alla conferenza dal titolo “Sport e Legalità’; lo sport come educazione e integrazione sociale. Il ruolo di ognuno di noi” insieme a Walter Mapelli, sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Monza e Don Alessio Albertini, consulente nazionale del CSI Centro Sportivo Italiano.

Infine, domenica 16 marzo, dalle 12,30 alle 13,3 ospite della SIAS, la delegazione dello “Star Judo Club Scampia”, sarà in visita all’Autodromo di Monza.

Sulla figura di Gianni Maddaloni la Rai ha da poco realizzato una fiction con protagonista Beppe Fiorello. Maddaloni è un uomo che dopo aver praticato per anni Judo ha deciso di aprire la sua palestra a Scampia, dove oltre ad allenare un campione olimpico come suo figlio Pino, sta insegnando a decine di ragazzi il Judo tenendoli lontani dalla strada e dalla criminalità organizzata.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi