02 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Il Cammino di Sant'Agostino non lascia, ma raddoppia

Il Cammino di Sant’Agostino non lascia, ma raddoppia

11 Marzo 2014

Parte la nuova edizione del Cammino di Sant’Agostino. Sabato 8 marzo è stato presentato a Monza il nuovo percorso dedicato al santo autore de “Le Confessioni”. Il Cammino incrementa la lunghezza del suo percorso aggiungendo ulteriori 25 Santuari ai 25 già esistenti (per un totale definitivo di 50). Complessivamente, contando anche il percorso originario lungo la Brianza e quelli aggiunti per arrivare fino a Genova, il cammino arriva a misurare la bellezza di 600 chilometri attraverso sette Province.

Il Cammino di Sant’Agostino è un pellegrinaggio a piedi, inizialmente concepito per collegare 25 Santuari mariani di alcune Province della Lombardia e in particolare in Brianza. E’ dunque un percorso che lega i punti più emblematici della vita di Agostino in Europa: Cassago Brianza (Rus Cassiciacum) luogo della sua conversione, Milano imperiale città del Battesimo la notte di Pasqua del 387 d.C., e Pavia longobarda, meta ultima. Anno dopo anno, ha preso sempre più forma e adesso si agginge a cambiare passo in vista di Expo 2015.

In particolare, il prossimo 30 marzo partirà da Monza una nuova camminata che si concluderà il 20 luglio a Trezzano Rosa dopo avere percorso quasi 200 chilometri e toccato 18 santuari come quello di Legnano (Santuario della Madonna delle Grazie), Gorgonzola (Santuario Madonna dell’Aiuto), Trezzo (Santuario Madonna dell’Aiuto) e anche il Duomo di Milano. L’allestimento del Cammino è costato tre mila euro di fondi pubblici, finanziati dalla Provincia di Monza.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi