Quantcast
Brugherio, sequestrati sottotetti a Baraggia - MBNews
Attualità

Brugherio, sequestrati sottotetti a Baraggia

Sigilli ad alcuni appartamenti nei sottotetti delle palazzine delle cooperative di via Santa Margherita a Baraggia. Li ha disposti la Procura di Monza che sta indagando su presunte irregolarità ed abusi edilizi compiuti dalle cooperative costruttrici.

fascicolo-cartelletta-inchesta-mb

Sigilli ad alcuni appartamenti nei sottotetti delle palazzine delle cooperative di via Santa Margherita a Baraggia. Abusi edilizi le ipotesi formulate dalla Procura che detiene il fascicolo dell’inchiesta su presunte irregolarità non solo tecniche, ma anche politiche e amministrative.

Iscritti nel registro degli indagati sono un dirigente e un funzionario comunali perché – dopo che la Procura già aveva ravvisato le irregolarità – avrebbero avallato la sanatoria per quelle parti di edificio con una presunta falsa dichiarazione. Gli stessi confermano infatti di aver agito nel pieno rispetto della legge. Indagati per le presunte false dichiarazioni sugli abusi, poi sanati, anche i titolari delle Cooperative XXV aprile e Brugherio 82 che ottennero nel 2009 la convenzione e il Piano Integrato di Intervento.

Nello stesso tempo il magistrato ha disposto che gli stessi proprietari delle case sequestrate oggi siano nominati custodi giudiziari delle strutture in attesa di capire come evolverà l’inchiesta. Nulla si sa dei presunti reati di abuso d’atti d’ufficio o conflitti di interesse denunciati nell’esposto da cui nacque il primo filone dell’inchiesta e che vedrebbero coinvolti ex amministratori pubblici delle due giunte precedenti all’attuale e i componenti del cda delle cooperative vicine alla sinistra, nonché degli esiti investigativi sulla nota commissione di inchiesta istituita per Baraggia nel 2011, durante l’amministrazione Ronchi.

Al vaglio degli inquirenti sarebbe anche la mancata ottemperanza a completare gli oneri di urbanizzazione della convenzione da parte dei costruttori.Il sindaco Marco Troiano ha detto di attendere il riscontro della Procura.

 

commenta