25 Febbraio 2021 Segnala una notizia
Disastro Lombarda Petroli, i testimoni: "Solo chi conosceva le valvole poteva aprirle"

Disastro Lombarda Petroli, i testimoni: “Solo chi conosceva le valvole poteva aprirle”

4 Febbraio 2014

“Non sono stati riscontrati segni di ingressi anomali da parte di esterni allo stabilimento, chi ha manomesso le valvole doveva conoscere il loro funzionamento”. E’ questo il commento del Comandante del Noe di Milano (Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri), in risposta alle domande che gli sono state proposte ieri in aula, durante l’udienza per il processo per il disastro ecologico della “Lombarda Petroli” di Villasanta.

Sono passati quasi quattro anni da quando un imponente sversamento di gasolio ed olii combustibili contenuti nelle cisterne della ex petrolchimica, si sono riversati nella rete fognaria cittadina, per poi arrivare al fiume Lambro, al Po ed al mare Adriatico. Le indagini degli inquirenti, che inizialmente si focalizzarono su un atto ritorsivo o presunto tale nei confronti della società, hanno poi chiuso il cerchio indagando per disastro ecologico doloso i cugini Giuseppe e Rinaldo Tagliabue, responsabili della società, ed il direttore dello stabilimento Vincenzo Castagnoli, mentre per omesso controllo lo è anche il custode Giorgio Crespi.

All’avvio effettivo del processo a loro carico, ieri presso il Tribunale di Monza, sono stati ascoltati cinque testimoni, tra cui anche un agente della Polizia Provinciale, il quale ha parlato di una “contabilità parallela” della Lombarda Petroli, scoperta in un armadio grazie alle indicazioni di un testimone. Secondo i magistrati proprio questa contabilità occulta rappresenterebbe il movente dello sversamento di olii combustibili e gasolio. Si torna in aula lunedì prossimo, 10 febbraio.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi