04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Degrado e furti, ma la stazione di Arcore rinascerà: è pronto il progetto targato Rfi

Degrado e furti, ma la stazione di Arcore rinascerà: è pronto il progetto targato Rfi

5 Febbraio 2014
rosalba-colombo-sindaco-arcore-3-mb

Rosalba Colombo

«La stazione di Arcore ha proprio bisogno di una bella sistemata» commenta uno dei tanti pendolari che abbiamo intervistato nel corso del nostro viaggio nelle stazioni brianzole. E così sarà, a dichiararlo è proprio il primo cittadino, Rosalba Colombo che ha annunciato con orgoglio e soddisfazione che settimana prossima Rfi sottoporrà all’amministrazione comunale il progetto di ristrutturazione.

Dopo aver raccolto la denuncia dei pendolari di Villasanta (puntata 1) ci siamo spostati a visitare l’importante snodo ferroviario di Arcore. Fondamentale per il territorio: collocata sulla linea Milano-Lecco e Milano-Bergamo, che serve anche molti paesi limitrofi. La struttura (quella rossa a noi nota è datata 1984, quella originale 1873)  si presenta logora e in cattivo stato. Sporca, incompleta e verso uno stato di degrado preoccupante.

Si hanno difficoltà persino a fare i biglietti: allo sportello c’è un solo addetto, ma quando è chiuso c’è, anzi c’era, la biglietteria automatica: oggi non funziona più. «Io prendo il treno qua da oltre un anno e l’ho sempre vista guasta, sembra non essere mai stata collaudata» racconta un passante. Le tecnologie però in questo caso vengono in aiuto, per i più smanettoni si ricorda che ora c’è  la App Prontotreno, che permette ai possessori di smartphone e table di acquistare il biglietto online. Il disagio più grande arriva ad inizio mese, quando centinaia di pendolari si accalcano per rinnovare l’abbonamento.

stazione-arcore-rastrelliere-mbAltro punto dolente è l’accesso per i disabili che non possono raggiungere il binario 2, quello che normalmente porta verso Milano.  Un problema questo che risulta al momento irrisolvibile.

E poi come in molte altre stazioni c’è la questione dei furti di biciclette. Chi la parcheggia non è certo di ritrovarla al suo ritorno.  Basta buttare uno sguardo alle rastrelliere per avere conferma: ci sono carcasse di mezzi abbandonati, ruote, oppure bici a cui hanno sottratto le gomme lasciando lì il resto.

Questa situazione sta però per volgere al termine. Il sindaco non ne poteva più di questo scempio che è parte del biglietto da visita della sua città e un anno fa è andato direttamente a bussare alla porta di Rete Ferroviaria Italiana. “Non sono da carta e penna. Sono andata là in prima persona e ho posto tutti i nostri problemi. Dall’altra parte ho trovato un interlocutore disponibile e dopo successivi incontri siamo vicini alla svolta: Rfi ha pronto il progetto preliminare, che condivideremo insieme».

Per i dettagli è ancora presto «ma il restlying sarà importante» assicura Colombo che aggiunge «una cosa è certa nel progetto è stato inserito uno spazio per la sede dell’associazioni degli anziani “Sereni  e Attivi”».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Simona Sala
Simona Sala tra i fondatori nel 2008 di MB News, responsabile marketing e social manager. La mia passione sono i viaggi e la fotografia, passioni che vanno a braccetto. Ma quando per questioni di tempo non posso andare dove vorrei leggo, leggo, leggo meglio se diari di viaggio o storie di Paesi lontani. Mi piacciono la chiarezza, le persone genuine e la buona cucina.


Commenti

  1. Comunque è una vergogna questa stazione.
    E quelli del Foa Boccaccio che hanno appenso i loro manifesti…?
    ma che modo è?!

  2. buonista dice:

    Perché non la sistema Silvio che é tanto buono???

  3. Giorgio Cottini dice:

    Vorrei rendere partecipe a chi può interessare la serie di immagini in bianco e nero che ho realizzato lo scorso ottobre alla stazione di Arcore

    http://www.giorgiocottini.it/wordpress/?page_id=470

  4. MassimoC dice:

    Non pensavo che l’attuale fabbricato viaggiatori fosse così recente. Qlc. sa dirmi dove reperire foto della stazione storica? E perchè è stata demolita, visto che dalla sua costruzione era passato più di un secolo, quindi avrebbe dovuto essere tutelata come edificio storico?

    • non tutto quello che “compie 100 anni” ha valore storico. anche casa di mia nonna ha 100 anni, non per questo è edificio storico…Nell’articolo si parla poi di accessi disabili…mi spiegate a cosa servono se poi per salire sui treni ci sono i gradini???

      • MassimoC dice:

        Già… soprattutto se l’organo che decide se un edificio abbia valoro storico o meno è colluso coi palazzinari!
        A Monza ormai non esistono più cascine storiche, le pochissime sopravvissute alle ruspe sono state talmente “restrutturate” da stravolgerne l’aspetto originario. Un altro edificio d’epoca è stato abbattuto proprio questa settimana, quello occupato dagli abusivi del Boccaccio (vedi articolo ad hoc su mbnews).
        Cmq sono d’accordo che non può essere solo questione di età, sennò tra “soli” trent’anni anche dei cessi come il palazzo dell’upim diventerebbero tutelabili dalle belle arti (il ciel c’aiuti!) ma, al di là dei gusti, gli edifici costruiti fino all’epoca pre-fascista avevano un loro stile, obiettivamente BELLO. E’ il caso, appunto, delle stazioni: anche le più piccole, anche i semplici caselli avevano un loro stile ben preciso che li identificava in modo inequivocabile, ma al contempo li integrava con gli edifici circostanti.
        Come ripeto, non ho memoria della vecchia stazione di Arcore (se qlc. ha delle foto, lo invito a postarle qui), ma ho visto foto della vecchia stazione di Sesto S. Giovanni, sua coeva, ed era obiettivamente BELLA, non certo paragonabile al quel cesso cubico che è quella attuale.

  5. Mi sono trasferita ad Arcore nel 2008, e da allora prendo il treno per andare a lavorare a Milano. Posso garantire che da allora ad oggi la macchinetta per l’emissione di biglietti non ha MAI funzionato. Qualche anno fa sostituirono quella vecchia con l’attuale macchina blu (che si vede tra le foto di questo articolo), che però non è mai stata attivata!

Articoli più letti di oggi