04 Marzo 2021 Segnala una notizia
St Agrate: torna l'incubo della vendita delle quote in mano al Tesoro

St Agrate: torna l’incubo della vendita delle quote in mano al Tesoro

21 Febbraio 2014

“Un beneficio economico immediato di 8-9 miliardi di euro dalla vendita di una prima parte di partecipazioni dirette del Tesoro in Poste italiane, Enav, Eni e StMicroeletronics”. Queste le parole del ministro all’economia Fabrizio Saccomanni che tornano a far tremare i polsi a tutti i lavoratori di St.

Lo scorso novembre era stato lo stesso ex-presidente del consiglio Enrico Letta ha annunciare la vendita di parte dei gioielli di famiglia dello Stato italiano per fare cassa. Una notizia che aveva fatto subito scendere in piazza i lavoratori St insieme al sindacato, per cercare di fermare quello che molti ritengono uno sbaglio miope che metterebbe a rischio posti di lavoro e un settore strategico e di alta tecnologia come quello delle Mems, presenti in moltissimi prodotti tecnologici come tablet o telefoni.

Dopo questo primo annuncio, c’era stato un dietrofront dove si toglieva St e le quote in mano allo Stato dal mercato: pochi giorni fa però il ritorno sui suoi passi del ministro dell’economia Saccomanni. Per i sindacati il pericolo più grande è che perdendo il controllo statale e finendo in mano private, tutta l’azienda rischi un progressivo svuotamento di personale e progetti come sta avvenendo ora con Micron, che ha acquistato la divisione memorie del gruppo e che ha deciso di licenziare 223 addetti solo nel sito di Agrate e Vimercate entro aprile.

La formazione del governo Renzi con un nuovo ministro dell’economia potrebbe cambiare la rotta in tal senso, ma è ancora tutto da verificare.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi