28 Novembre 2020 Segnala una notizia
Dramma Giussano, padre in coma indotto. Sarà sottoposto a perizia psichiatric

Dramma Giussano, padre in coma indotto. Sarà sottoposto a perizia psichiatric

13 Febbraio 2014

È in coma farmacologico, piantonato a vista da uomini delle forze dell’ordine, nel reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale San Gerardo di Monza. Michele Graziano, classe 1977, l’uomo che martedì sera a Giussano ha ucciso i suoi figli, Elena di 8 anni e Thomas di 2, prima di tentare il suicidio colpendosi al collo con lo stesso coltello da cucina utilizzato per sgozzare i bambini, resterà in coma indotto per almeno altre 24 ore.

Dal nosocomio monzese fanno sapere che la prognosi è riservata ma che l’uomo non sarebbe in pericolo di vita. Il coma è stato indotto dopo il delicato intervento chirurgico effettuato d’urgenza per ricucire le ferite che l’uomo si è inferto. Spiegano dal San Gerardo che la prassi che segue questo tipo di intervento necessita di almeno 48 ore di coma indotto.

Il Gip che deve decidere della convalida del fermo dovrà quindi attendere che le condizioni dell’uomo migliorino e che sia in grado di sostenere un interrogatorio.

Giussano, intanto, è sotto shock. La casa di via IV Novembre, teatro dell’orrore, è bardata dai rilievi della polizia. È lì che si è consumata la tragedia, in quella casa ormai disabitata dove Graziano e la seconda compagna hanno vissuto fino a Natale.

Un pomeriggio lavorativo, come tanti, Graziano è passato a prendere i bambini, figli di due madri diverse, nelle rispettive abitazioni, martedì sera, con una scusa e la promessa di riportarli per cena. Nella vecchia casa di via IV Novembre, invece, dove si è recato senza fare rumore, ha colpito Erika alla gola, quindi Thomas. Prima di cercare di farla finita ha telefonato al fratello, che ha dato l’allarme e avvertito carabinieri e soccorsi.

L’omicida verrà sottoposto a perizia psichiatrica per capire se era capace di intendere e di volere quando ha ucciso i figli o se il tragico gesto sia conseguenza di disturbi psicologici.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi