30 Novembre 2020 Segnala una notizia
Monza, viaggio nelle scuole "2.0". Il Collegio Villoresi San Giuseppe

Monza, viaggio nelle scuole “2.0”. Il Collegio Villoresi San Giuseppe

27 Febbraio 2014

1903. Il Collegio Villoresi San Giuseppe inaugura la sede, in uso ancora oggi, di via Monti e Tognetti 10. Diventa così sempre più concreto il proposito di padre Luigi Villoresi, che inizialmente aveva trovato casa nell’oratorio del Carrobiolo, sempre a Monza. Desiderio del religioso era quello di fondare una scuola. Inizialmente riservata a gente del popolo, la sua scuola si trasforma in un liceo per chierici poveri. Solo in un secondo momento il collegio, sotto l’egida dalla diocesi di Milano, si apre a tutti.

monza-collegio-villoresi-san-giuseppe-mb

Il cortile dell’istituto

Don Romano Crippa è il decimo rettore dell’istituto. Svolge questa funzione dal 1999, da quando è stato designato dal cardinale Martini. In oltre un secolo di storia il Collegio è cresciuto e si è trasformato, accogliendo le nuove esigenze dei genitori che lavorano, la necessità di inserire nei programmi più lingue straniere e un maggior numero di ore di informatica.

Il San Giuseppe è una scuola “2.0”?
Direi di sì, decisamente. Abbiamo il wireless in tutto l’istituto, ad esempio. Cerchiamo di aggiornare le nuove tecnologie in maniera costante e di insegnare al corpo docente il loro utilizzo, in modo da gestire la didattica nella maniera più “2.0” possibile. Del resto i ragazzi di oggi sono dei “nativi digitali”, la tecnologia è il loro pane quotidiano. Proponiamo un’informatica trasversale a tutte le discipline.

Quali strumenti avete a disposizione?
Abbiamo 9 lavagne interattive. Da quest’anno poi tutti gli studenti di prima liceo hanno a disposizione un tablet: la sperimentazione, avviata lo scorso anno grazie al progetto “Generazione Web”, è stata positiva. La nostra scuola, poi, è sede riconosciuta per ottenere l’ECDL, la Patente europea del computer. Il registro elettronico è adoperato ormai da tutti i docenti.

Come cambia lo studio di queste nuove generazioni?
La scuola diventa più interattiva e i ragazzi hanno la possibilità di lavorare a gruppetti. In questo modo anche gli studenti che presentano difficoltà di apprendimento riescono ad essere più coinvolti e stimolati.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Federica Fenaroli
Cultura, cucina e animali sono il mio pane quotidiano - beh, gli animali solo in senso metaforico, sono vegetariana da una vita. Quando non scrivo leggo tutto quello che mi capita tra le mani, sforno dolci (al cioccolato) o curo le mie rose (rosse). Scrivo per MB News dal 2012.


Articoli più letti di oggi