Quantcast
Monza cambia voce. Licenziato Vignando storico speaker autodromo - MBNews
Sport

Monza cambia voce. Licenziato Vignando storico speaker autodromo

Gigi Vignando, storico speaker dell'autodromo brianzolo, licenziato assieme a “Monza Informa”, il centro di video-produzione dell’autodromo

monza-autodromo-semaforo-mb

La sua voce, per gli appassionati di motori, era come il rombo dei bolidi nei box, una voce che annunciava attesa, svolgimento ed epilogo di molte corse monzesi. Stiamo parlando di Gigi Vignando, storico speaker dell’autodromo brianzolo, messo alla porta, leggasi licenziato, assieme a “Monza Informa”, il centro di video-produzione dell’autodromo di Monza, dalla attuale gestione.

In pista è sceso anche Andrea Monti, sul proprio blog, assessore provinciale e pilota, da sempre difensore delle sorti del circuito nostrano: «Monza Informa, per chi non lo sapesse, è il centro di video produzione dell’Autodromo Nazionale di Monza, è la struttura che cura e gestisce la Web Tv MonzaRace, è insomma un pezzo di Autodromo, il nostro Autodromo appunto. Qualcuno ha deciso che anche questo pezzo di Monza si dovesse chiudere, se ne dovesse andare, e l’ha deciso magari lontano da Monza, e questo non va bene. Tutto questo deve caricarci di una “voglia speciale”, che non avrà il sapore della vendetta, perché non è l’odio o la rivalsa che ci spinge, piuttosto l’amore e la passione per ciò che tutti noi amiamo, il nostro tempio, il nostro luogo magico; l’Autodromo».

Poco prima, è lo stesso Gigi Vignando a sfogarsi con Monti: «Caro Andrea, ho letto con attenzione ed interesse il tuo blog su Monza che condivido fino all’ultima parola. Anche noi di Monza Informa, il centro di video-produzione dell’Autodromo, pur non avendo mai commesso alcun illecito, siamo stati messi alla porta dall’attuale gestione attraverso una lettera dai toni intimidatori e contenuti irricevibili. Mi dispiace soprattutto per i ragazzi, Cristiano e Andrea, due professionisti veri nel mondo delle video riprese. Per loro ho trovato un’ubicazione poco lontana dall’impianto dentro la quale continueremo la nostra attività con la stessa passione e la stessa professionalità che da oltre trent’anni ci contraddistingue. Monza ha voltato le spalle anche allo Speaker ufficiale e la cosa mi ha davvero ferito ma, in vista delle prossime elezioni, un simile atteggiamento mi ha caricato di una “voglia speciale” di battermi per il mio/nostro autodromo!».

Le prossime elezioni sono quelle che riguarderanno Aci Milano, da svolgere entro luglio, la società che controlla Sias, che a sua volta dirige e gestisce l’autodromo di Monza.

 

 

commenta