24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Foa Boccaccio: "K2O" demolito. Ecco il video

Foa Boccaccio: “K2O” demolito. Ecco il video

8 Febbraio 2014

Prima è stato sgomberato e poi, nel pomeriggio, demolito. K2O, la palazzina occupata dai giovani del Foa Boccaccio in via Buonarotti, è stata rasa al suolo giovedì 6 febbraio. La proprietà aveva sporto denuncia lo scorso ottobre, ma i ragazzi imperterriti armati di scopa, secchi e olio di gomito, lavoravano incessantemente per ristrutturarla. Lo scopo dell’iniziativa dichiarato dal colletivo Foa Boccaccio era di mostrare ai cittadini e all’amministrazione monzese come fosse intelligente l’auto-recupero di appartamenti sfitti e stabili abbandonati, in risposta concreta al diritto all’abitare.

Questo il video realizzato dai giovani del Foa Boccaccio e pubblicato sul loro blog

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Commenti

  1. Piazza PULITA. finalmente.

    • MassimoC dice:

      Distingui bene tra abusivi ed edificio. A me sta bene che sia stato sgomberato chi stava nell’illegalità (ma tanto, tempo un mese e si saranno insediati da un’altra parte), non mi sta per niente bene che l’ennesimo edificio storico di Monza sia stato raso a suolo.
      Dietro al pretesto di “restituire un’area alla legalità” si nasconde la bava alla bocca dei palazzinari, bramosi di edificare una bella palazzina residenziale al posto di un edificio secolare.

      • ancora con sta storia degli edifici secolari. caro massimo, lo sai che non è sufficiente che un edificio compia 100 anni per tutelarlo?? se è un cesso di casa, rimane un cesso di casa anche se ha 100 anni!!

        • MassimoC dice:

          Non era affatto un cesso di casa. Peraltro la tettoia liberty in ferro battuto, che si vede in questa foto, aveva il suo pregio.
          La palazzina era quanto rimaneva di un’area industriale già da tempo demolita. Si trattava probabilmente della portineria dell’opificio o degli uffici. Ad occhio e croce, dallo stile architettonico, direi che era coeva del macello.
          Se lo scopo è diventare come le metropoli americane, dove antico=obsoleto e quindi da demolire, la strada è quella giusta. Aspettiamo le ruspe anche per l’Arengario.

          • Non tutto quello che è antico è per forza bello e va per forza restaurato..bella la battuta sull’arengario comunque, io ci farei un parcheggio( battuta per battuta..) scusa è lo stesso principio delle auto…diventano storiche dopo 30 anni( mi pare) ma una Multipla (o una Tempra) rimarrà un cesso di auto anche quando sarà storica..

          • mairizio erba dice:

            il problema non e’ la storicita o meno dell’edificio sono le motivazioni ad essere sbagliate,se avesse fatto richiesta di demolizione di un’edificio situato su un’area a destinazione di utilita’ pubblica come questa in discussione non avrebbe ottenuto il permesso se non previa presentazione di un progetto e delle necessarie autorizzazioni.Cosi invece a potuto illegalmente procedere allla demolizione con la scusa che e’ stata occupata ilecitamente.Cazzo ripeto non e’ che uno ha l’appartamento e l’affittuario non paga l’affitto chiede lo sgombero forzato non la demolizioneììììììììììììììììììììììììì

    • Pulita, vuota e triste.
      Come la tua scatola cranica, e quella di tutti quelli che difendono la “”””legalità”””” solo per partito preso, senza sapere cosa accade veramente, chi sono le persone dietro le maschere.
      In questo caso da una parte c’erano ragazzi con la testa e volenterosi, che hanno fatto un lavoro della madonna (io ci sono entrato in quella palazzina, dopo che fu ripulita da loro), dall’altra un proprietario che è uno dei peggio speculatori dell’edilizia abusiva, e che dopo anni di latitanza si era improvvisamente interessato alla sua preziosissima proprietà.

      Vergogna. E peccato, un’altra occasione persa, cara Monza.

      • vuota è la testa di chi danneggia una PROPRIETà PRIVATA, di chi nei cortei spacca le vetrine delle banche , di chi dice no al capitalismo e poi ha il cellulare di ultima generazione e le scarpe americane ai piedi…dai su fate i bravi, comunistelli dell’ultima ora , viziati annoiati e arroganti. se vi sgomberava mariani facevate il cinema, vi han sgomberato anche con scanagatti e adesso chi è il politico cattivo razzista?

  2. Non capisco tutta questa indignazione per la demolizione di quello che, in fondo, non era un edificio di interesse storico o artistico. Credo infatti si trattasse della portineria di un vecchio impianto industriale, quindi non un edificio di pregio, e aggiungerei anche decisamente piccolo. Penso sia un errore fare l’equivalenza “vecchio” = “bello”, penso che vada tutelato e ristrutturato solo ciò che ha un effettivo valore storico o artistico.

    • mairizio erba dice:

      Siamo alla follia pura un proprietario di casa che piuttosto che risanare l’immobile e metterlo sul mercato solo perche’ e’ occupato abusivamente viene autorizzato alla demolizione dell’immobile.???? Domani non trova da affittare i condomini che ha costruito demolisce anche quelli.

Articoli più letti di oggi