26 Novembre 2020 Segnala una notizia
Civati, sondaggio web: vince sì a fiducia a Renzi con il 50.1%

Civati, sondaggio web: vince sì a fiducia a Renzi con il 50.1%

24 Febbraio 2014

Per un soffio, anzi per uno 0,1% ma sarà fiducia. L’area ‘civatianà’ riunita a Bologna domenica per decidere sulla fiducia al governo Renzi si è espressa a favore. Secondo risultati del sondaggio web lanciato dal ‘dissidentè Democratico, il 50.1% si è espresso per il sì al voto di fiducia al governo Renzi, il 38.4% per il no ed il 10.6% per l’astensione. A partecipare alla consultazione on line sono stati 20.370 cittadini. Tra chi ha espresso il sì alla fiducia, il 24.45% si è espresso per un voto senza ulteriori passaggi, mentre il 25.67% ha condizionato l’assenso ad una verifica in tempi brevi.
Insomma, pare che i dubbi del monzese verso il fiorentino siano più che condivisi, ma per ora un nuovo sinistra non ci sarà.
Civati, seppur contrario alle modalità  con cui si è formato il nuovo governo ha lasciato intendere che probabilmente voterà  la fiducia per non dover uscire dal partito.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Commenti

  1. Enrico Marzano dice:

    uomo piccolo così… finge di abbaiare ma poi le orecchie le abbassa sempre… proprio come un barboncino bastardino… mi fa schifo…

  2. beeeeee beeeeeeeeee…io esco dq questo pd..beee beeee…come volevasi dimostrare

  3. Queste divisioni all’interno del PD non le capirò mai. Un partito è un partito, deve andare compatto. Poi, chiaro, ci possono essere dei dibattiti interni. Ma devono essere interni. Per tutte le decisioni si delibera, si vota, ci si conta, e alla fine chi ha la maggioranza interna decide la linea. Punto. Se per ogni dibattito interno questo partito deve essere a rischio scissione, la cosa è piuttosto inquietante.

    • Secondo me è tutto un teatrino, perché ormai non esiste più la politica ma recite teatrali per fare parlare i media e non far dire agli stessi cose molto più importanti. Io non credo più a nessuno, ci sono solo urlatori e commedianti…. e pantalone paga sempre per tutti.

  4. Civati abbia le palle di sfiduciare renzusconi .. sennò sono solo chiacchiere.

    • Massimo Lucchetti dice:

      sono solo chiacchiere appunto. civati è solo uno specchietto per le allodole. dice una cosa e poi fa esattamente l’opposto. uno come lui è a mio avviso persino peggio di renzusconi, almeno nel suo caso sai chi hai davanti: una merda talmente arrivista da fare il passo più lungo della gamba però lo si sa, civati secondo qualcuno è pure la voce del dissenso. buahahahaahhahaahahhaahahahah.

Articoli più letti di oggi