Sociale

Centri per l’impiego Afol, una porta aperta sul mondo del lavoro

Secondo i dati elaborati dalla Provincia Mb, il 30% delle persone che si è rivolto agli operatori specializzati ha ritrovato un impiego

artigiani-aula-scuola-afol-seregno-mb

Il 30% delle persone che si sono rivolte agli Sportelli lavoro ha trovato un nuovo impiego. I dati relativi al 2013 rivelano che i centri per l’impiego coordinati da Afol Monza e Brianza non sono un carrozzone vuoto.

Anzi, al contrario stanno diventando un punto di riferimento per tutti coloro che cercano una ricollocazione. In particolare, nel 2013 il 30% delle persone che si sono rivolte agli operatori specializzati è rientrato nel mercato del lavoro, secondo le seguenti tipologie contrattuali: tempo determinato 67%, indeterminato 12%, apprendistato 7%, tirocinio 7%, altre tipologie 7%. La fascia di età che più si rivolge agli sportelli è quella compresa tra i 30 e i 45 anni, di questi il 55% è di genere maschile.

“Spesso il posto di lavoro è l’ultimo anello di un percorso di riqualificazione più complesso – osserva l’assessore provinciale al Lavoro Enrico Elli – Sempre di più occorre affrontare il tema in modo approfondito, a 360 gradi, facendo affiorare le tante criticità del reinserimento, soprattutto per quanti sono stati espulsi dal mondo del lavoro in età avanzata”.

Secondo il rating regionale degli operatori accreditati ai servizi al lavoro pubblici e privati (bollettino ufficiale nr. 42 -18/10/2013) l’indicatore di efficacia Afol Mb è 9,68, che pone la nostra agenzia al quinto posto nella classifica regionale su 272 operatori.

commenta