24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Al Mac di Lissone arte dal carcere. “Amori sbarrati” per le detenute di Sanquirico

Al Mac di Lissone arte dal carcere. “Amori sbarrati” per le detenute di Sanquirico

7 Febbraio 2014

Poesia, musica, teatro, fotografia. È attraverso queste arti che si sono espresse le recluse presso la Casa Circondariale Sanquirico di Monza all’interno del progetto messo a punto dall’associazione culturale umanitaria Zeroconfini Onlus e denominato “Amori Sbarrati”. La mostra fotografica, con scatti di Francesca Ripamonti, sarà fruibile dal prossimo 13 febbraio e fino al 16 dello stesso mese presso il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, che ha presentato anche “In Cella”, una videoinstallazione di Carlo Concina e una edizione del libro “Amori Sbarrati” edito da LietoColle e contenente poesie scritte dai detenuti.

«Il carcere è un luogo di sofferenza e disagio – ha spiegato Maria Pitaniello, direttrice della struttura carceraria monzese – e questa iniziativa permette alle persone recluse di guardare al proprio animo. Non è stato facile, soprattutto per una questione di lingua. L’82% delle detenute a Monza sono straniere. Questa esperienza, la mostra fotografica e l’antologia di poesie sono esperienze umane che coinvolgono anche il personale del carcere e gli operatori. Possibili grazie alla sensibilità del territorio».

L’inaugurazione della mostra fotografica è in programma giovedì 13 febbraio alle ore 21 presso il Mac di Lissone. Porte aperte anche venerdì dalle 15 alle 19 e sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi