25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Aglio "Guagliò", è polemica: la Lega "non digerisce" la mascotte di Expo

Aglio “Guagliò”, è polemica: la Lega “non digerisce” la mascotte di Expo

3 Febbraio 2014

“Il fatto che Milano e i Lombardi debbano essere rappresentati davanti agli occhi del mondo, in una vetrina a rilevanza globale quale è Expo 2015, da una mascotte con un nome napoletano, è una stupida provocazione per guadagnare i titoli di stampa e l’ennesimo insulto all’identità lombarda» Parole forti quelle espresse attraverso una nota stampa ufficiale dalla Lega Nord Monza e Brianza.

Alberto Rivolta

Alberto Rivolta

«C’è qualcuno che crede davvero che la capitale economica possa identificarsi in un pupazzo di nome Guagliò? Nascondersi dietro il fatto che la proposta è arrivata dai bambini è un atto di sciacallaggio: le colpe sono della giuria». ha commento Alberto Rivolta, Segretario Provinciale della Lega Nord di Monza e Brianza, dopo l’anticipazione del nome della prima delle 11 mascotte di Expo. “Bagaj” (ragazzo ndr): questo il nome proposto dal Carroccio per l’icona rapprensentante un simpatico aglio stilizzato.  «Contiene la parola “aj” che nella nostra lingua significa “aglio”, elemento presente nella rappresentazione grafica della mascotte. – prosegue Rivolta – Invece sono stati utilizzati addirittura dei bambini, vittime inconsapevoli della desertificazione culturale identitaria lombarda, e anche brianzola, volutamente perseguita da decenni dallo Stato italiano, per cercare di giustificare un gesto ingiustificabile».

Il nome scelto di origine partenopea proprio non è “stato digerito” dal partito lumbard che senza mezzi termini lo ha definito: «L’ennesimo attacco di stampo mediterraneo al sentimento identitario padano-alpino. Ora ci aspettiamo di trovare nelle altre mascotte nomi in lingua lombarda, veneta, piemontese, emiliana, romagnola, friulana – conclude Rivolta – Staremo a vedere. Ma se il buon giorno si vede dal mattino…»

                                                                                             

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. jamesnach3 dice:

    Un leghista intelligente non è ancora nato…

    • Darkkest dice:

      La tua frase non è del tutto falsa, ma a sto giro hanno pienamente ragione, io mi sono scassato le palle di essere rappresentato con le solite cose da italietta uè uè, pummarola guagliò fammose na risata iamme iamme etc etc.
      Francamente mi sembra una gran cagata.

      • jamesnach3 dice:

        A me quello che preoccupa è la mascotte in quanto tale, che è oscena.
        Il nome mi sembra un dettaglio irrilevante.

        • Darkkest dice:

          E’ proprio il nome di sta mascotte, e tutto l’immaginario che si porta dietro, una delle cose che tiene al palo sto paese.

      • laura f. dice:

        pienamente d accordo

  2. avessero fatto l’expo a roma sarebbe stato l’expo di roma, facendolo in periferia dobbiamo far vedere che il paese è quello che vedono all’estero. quindi mafia, tarantella e guagliò.
    purtroppo ci credo che lo hanno scelto i bambini, dal momento che la tv ha cercato da almeno vent’anni di uccidere l’identità culturale lombarda e veneta, regioni colpevoli di non votare a sinistra e di non volere lo stato mamma.
    ovvio che poi l’itaglia stia diventando un paese del terzo mondo … se anche qui prevale l’idea sudista di stato fra 20 anni emigreremo in albania.
    amen!

    • Darkkest dice:

      Ah già perchè quando la lombardia ha votato verso destra hanno fatto meno cagate di quelli di sinistra vero? Il problema sei anche tu, e quelli come te che ancora stanno a dividere la merda tra destra e sinistra senza accorgersi che sempre merda è. E non mi dire che la lega è a sè stante perchè con certa gente ci sono andati a braccetto per decenni e anche volentieri.
      E l’italia non “sta” diventando un paese del terzo mondo, lo è già da molti molti anni, ma non te ne sei accorto.
      Basta girare un po’ per accorgersene, e non sto parlando di andare in scandinavia ma di provare a girare anche qualche stato dell’africa per vedere chi è davvero il terzo mondo.

  3. Io non so i leghisti da dove tirino fuori ste polemiche senza senso… L’Expo l’ha vinto il paese tutto e si fa anche grazie ai soldi di quella Roma ladrona che tanto disprezzate.
    Sono talmente patetici da fare polemica coi bambini che l’hanno scelto.
    Che poi “insulto all’identità lombarda”, mi devono spiegare cosa sia l’identità lombarda visto che non è mai esistita nella storia, proprio come la loro fantomatica padania.

    • riskio78 dice:

      Hai mai buttato un’occhiata veloce ai residui fiscali divisi x regione prima di dire una baggianata del tipo che l’Expo si fa con i soldi di Roma?… Semmai noi finanzieremo il Salva Roma…

    • what!
      questa è bella. noi manteniamo i nullafacenti di roma dal 1860 e mai avevo letto o sentito una smentita in merito (di solito si vantano).
      guardi che forse si è male espresso perchè se ci crede è da ricovero coatto!!!!
      l’identità lombarda non esiste più perché lo ha deciso roma, ai tempi di mia nonna esisteva eccome. e se l’itaglia di merda (mafia, aglio, pummarola e mandolino) si è sviluppata è grazie ad essa, e se oggi è tornata nel terzo mondo è grazie alla sua sparizione.
      il boom economico lo ha fatto la lombardia nonostante l’itaglia,. mentre roma e il sud piangevano sulla spalla dello stato
      e la lega non c’entra un cazzo. la lega fa affari con la camorra, quindi possono sparire pure loro.

    • Massimo Lucchetti dice:

      vinto? eh eh mica tanto. diciamo se le preso nel culo il paese tutto. io sono contrario da sempre a questi grandi eventi comunque visto che l’expo si tiene a milano potevano anche scegliere una mascotte milanese. mi sembra una cosa abbastanza ovvia.

  4. laura f. dice:

    visto che la sede dell’Expo sarà milano non avrebbe senso scegliere una mascotte ‘milanese’? mi sembra semplicemente più ragionevole, e magari se ci mettiamo un po’ di impegno riusciamo a levarci di dosso l’etichetta di italiani=pizza pasta e pummarola e dimostrare che il vero motore dell’Italia non ha niente a che vedere con questi vecchi stereotipi.
    io adoro i dialetti, ma siamo sicuri che sia la chiave giusta per un evento dal respiro mondiale????

    • MassimoC dice:

      Credo anch’io che non abbia senso appellarsi alle rappresentanze locali, per un evento a valenza planetaria.
      Per l’estero l’Expo 15 si tiene in Italia, non gliene frega niente che sia a Milano o a Trapani. Quindi rigetto “guagliò” ma altrettanto rigetterei “bagaj” piuttosto che altri termini dialettali, di qualsivoglia origine.
      Serve una mascotte? Ma perchè sbattersi tanto? Ricordate Ciao, la mascotte di Italia 90? Perchè non riciclare quella? A costo zero, una parola che ormai si usa spesso anche all’estero e che conosconto tutti, dal polo all’equatore.

      • povera itaglia dice:

        sono d’accordo. guagiò fa cagare ma anche bagaj era ridicolo.
        l’expo dovrebbe essere l’occasione per dire che quetso paese è uscito dal medioevo .. mettere l’aglio come simbolo (perchè non ci mettiamo la coppola sopra? e una bella lupara in mano magari) con un nome dialettale (nostro o sudista cambia poco tutto sommato) fa cadere le braccia.
        siamo veramente un paese ridicolo governato da gente ridicola. io mi vergogno profondamente di queste cose.
        io avrei scelto un simbolo che rappresenti il nuovo millennio con un nome internazionale

        • Il solo commentare se è meglio questo o quello, bagaj, pummarola, identità padana …ecc.. ci rende ridicoli e puerili. Se solo uno straniero leggesse questi commenti, sbellicarsi dalle risate sarebbe fare poco. L’ unico commento serio, a mio parere, è quello di MassimoC e sono pienamente d’ accordo.

          • Pepp'aglio dice:

            Invito i leghisti a non mangiare aglio!!!!Sappiamo tutti che è…..pesante da digerire,vero?

  5. ForzaMonza dice:

    mi par di capire (simbolo, nome, ma anche la pubblicità che fanno) che sarà l’expo del luogo comune. italiani ladri, casinisti, trombatori e bravi cuochi.
    veramente triste buttare via una occasione per dimostrare che c’è voglia di entrare nel 2000 anche da noi.
    scegliere milano e la lombardia ,i luoghi più evoluti dell’italietta economicamente e tecnologicamente, doveva voler lanciare un messaggio del tutto diverso.
    a sto punto potevano fare l’expo a napoli … pummarola in gobba, rutto libero e dimostrazioni di borseggiatori professionisti

Articoli più letti di oggi