26 Maggio 2020 Segnala una notizia
Unioni civili: Monza si prepara ad istituire il registro

Unioni civili: Monza si prepara ad istituire il registro

28 Gennaio 2014

Messe in soffitta espressioni come Pacs e Dico ecco ora fare capolino a Monza il registro delle unioni civili.  Un passo importante per il capoluogo brianzolo discusso ieri, 27 gennaio, durante il consiglio comunale cittadino.

Alessandro Gerosa

Alessandro Gerosa

«Il registro avrà validità esclusivamente nel comune di Monza – ha spiegato il sindaco Roberto Scanagatti all’Assise cittadina – Sarà considerata unione civile quella vigente tra due persone maggiorenni cha da due anni convivono a nel capoluogo brinazolo». Le coppie saranno ritenute idonee, dunque, se legate da un  vincolo affettivo e resteranno pertanto esclusi i vincoli di parentela. Due anni il limite minimo di convivenza, termine che si riduce a soli 12 mesi se la coppia ha un figlio. Se il registro dovesse essere istituito per accedervi sarà necassario presentare una domanda congiunta al comune di Monza e, trascorsi 30 giorni utili ad attuare le opportune verifiche, si potrà procedere all’iscrizione nel registro.

«Sono emozionato e orgoglioso – ha commentato il capogruppo di Sel Alessandro Gerosa – Questa proposta è nata da una mozione di Sinistra Ecologia e Libertà e da tanti altri.  Le coppie non sposate ma legate da un legame affettivo potranno ricevere le tutele possibili in ambito comunale. Oggi noi stiamo dando dignità a coloro che non ce l’hanno. Persone uguali ai nostri occhi ma diverse agli occhi dello Stato. Coppie omosessuali ed etero che non si vogliono sposare e che per questa loro scelta di vita hanno qualcuno che decide per loro. La sola cosa che conta è l’amore e non il sesso di coloro che lo provano. Questo registro, però, non è indirizzato solo a chi ha una relazione omosessuale ma anche a tutti i conviventi etero».

Martina Sassoli

Martina Sassoli

E se il consigliere Gerosa commenta la novità monzese con entusiasmo, i toni cambiano decisamente in casa di Forza Italia: «Il registro dell eunioni civili non garantisce, non tutela, ma soprattutto è discriminante – ha spiegato il consigliere Martina Sassoli – È inutile, una pagliacciata, e sono  allibita nel sentire parlare di categorizzazione. Il reigistro non ha volore alcuno sul fronte sanitario o pensionistico. Si tratta di aria fritta, stiamo perdendo tempo. Bisogna portare avanti progetti concreti» C’è poi chi, come Pierfranco Maffè (FI), si è detto persino imbarazzato: «Non sono le amministrazioni comunali che devono decidere. Fa impressione che il consigliere Gerosa dica che è motivo di orgoglio perchè non si porterà a casa assolutamente nulla. Bastasse questo per dire che non ci sarà più discriminazione ma in realtà tutti sappiamo che non è così».

Per sapere se il registro delle unioni civile verrà o meno adottato a Monza si dovrà attendere la seduta di giovedì 30 gennaio.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Articoli più letti di oggi

Villasanta, dogo argentino senza guinzaglio aggredisce in pieno centro un uomo e il suo cane

Sono decine e decine le segnalazioni inviate negli ultimi due anni in Comune al Sindaco Luca Ornago per denunciare la questione dei due dogo argentini liberi.

Movida in centro a Monza, residenti sul piede di guerra: “Situazione incontrollabile”

Anche Monza non è immune dagli episodi di "movida selvaggia". I residenti del centro hanno segnalato situazioni fuori controllo tutto il weekend. L'appello di Allevi: "Chiedo responsabilità".

Collegio Villoresi: nominati i nuovi Dirigenti Didattici per le sedi di Monza e Merate

Dal 1° settembre 2020 assumeranno l’incarico la Dott.ssa Laura Tomasoni, il prof. Danilo Piazza e la prof.ssa Maria Sala.

A Monza e Brianza 5.460 contagi. Ecco l’aggiornamento dei sindaci

La provincia di Monza e Brianza dall’inizio dell’emergenza conta: 5.460 (+21).

A Monza e Brianza 5.439 contagi. Ecco l’aggiornamento dei sindaci

Nella provincia di Monza e Brianza i pazienti positivi al Covid da inizio pandemia sono 5.439 (+18)