24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Non è un buon momento nemmeno per morire: aumentano i servizi funebri

Non è un buon momento nemmeno per morire: aumentano i servizi funebri

15 Gennaio 2014

Anche morire costerà di più. La crisi che da più di due anni sta mettendo in ginocchio gli italiani ha finito per produrre i suoi nefasti effetti anche sulla triste mietitrice. Fra pochi giorni, per la precisione il prossimo 31 gennaio, scadrà la convenzione fra il Comune e le agenzie funebri che garantiscono i servizi di recupero e trasporto della salma nei casi in cui il morto, o i suoi parenti, siano in stato di indigenza. Così, l’amministrazione ha deciso di rinnovare l’accordo, ma non prima di avere dato via libera a una serie di adeguamenti ai prezzi.

Giusto per fare un esempio: la tariffa diurna per il trasporto della salma passa da 330 a 363 euro, mentre la tariffa notturna sale addirittura a 473 euro contro i 440 di prima. Una bella botta, insomma, soprattutto se si consdera che sempre più di frequente i bilanci della famiglie monzesi sono sempre più striminziti. Così come in molti stanno facendo per la casa: rimandano l’acquisto in attesa di tempo migliori, sarebbe bello potere fare altrettanto con la morte. Rimandare, però, pare che non sia proprio possibile e quindi occhio al nuovo tariffario. Gli aumenti in relazione ai servizi funerari sono generalizzati e in alcuni casi si tratta addirittura di vere e proprio voci nuove.

Ancora un esempio: la vestizione della salma non sarà più gratuita, ma a pagamento. E per la precisione il costo stabilito è di 100 euro. Stesso discorso vale per l’impianto refrigerante per i viaggi inferiori ai 100 chilometri: il nuovo tariffario prevede una spesa di 120 euro.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. Joshua Puntaraisi dice:

    bisogna morire entro il 31 gennaio.

    • crispino dice:

      Oppure portarsi avanti con il lavoro , pagare entro la data stabilita e poi morire con molta calma più in la!!! Funzionerà?

Articoli più letti di oggi