25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Monza, influenza e code al pronto soccorso. Ma il virus è meno aggressivo

Monza, influenza e code al pronto soccorso. Ma il virus è meno aggressivo

10 Gennaio 2014

Primi giorni dell’anno e Pronto Soccorso affollato. Un classico che quest’anno è andato in scena all’ospedale San Gerardo di Monza con tutti i crismi del caso: lunghe attese e bambini e anziani, i più colpiti dai malanni di stagione, costretti a trovare un angolo in cui aspettare pazientemente il proprio turno per essere visitati. Attese anche di diverse ore, «in relazione al codice assegnato e sempre sotto diretto controllo» specifica Laura Radice, direttore sanitario San Gerardo.

«Un afflusso elevato – continua Radice – una situazione nota in questo periodo dell’anno, complici anche le festività appena trascorse. L’ambulatorio dei codici bianchi che nei giorni feriali filtra con regolarità durante le ultime settimane ha causato qualche piccolo problema di attesa. Ma senza particolari disguidi».

La buona notizia arriva dagli esperti, i quali assicurano che il ceppo di questa stagione dovrebbe essere meno aggressivo rispetto agli ultimi anni. I sintomi, di contro, sono sempre gli stessi: febbre, dolori diffusi e stanchezza. La procedura corretta è di rivolgersi al proprio medico di base che valutata la situazione prescriverà diagnosi e terapia e in caso di bisogno consiglierà l’approdo presso i centri ospedalieri della zona.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Commenti

  1. Di febbre non si muore!attendere ore per sapere che hai la febbre e devi stare a letto ? mah

Articoli più letti di oggi