04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Lissone, il camioncino “appiattisce” la buca? Video e polemiche sulle strade

Lissone, il camioncino “appiattisce” la buca? Video e polemiche sulle strade

24 Gennaio 2014

Emergenza buche a Lissone. Nella città del mobile le piogge non hanno portato funghi ma buche, veri e propri crateri larghi anche diverse decine di centimetri e profondi altrettanto che mettono a repentaglio la sicurezza dei motociclisti e l’integrità delle migliaia di automobili che ogni giorno transitano per Lissone.

E a Lissone e sui social, intanto, fioccano le polemiche. Merito di un video, girato da un lissonese, A.S., che ritrae un camioncino del comune che pare livellare in viale Repubblica una buca appena riempita facendo avanti e indietro con lo stesso mezzo. Un metodo, definito “alla ca… mbridge” da un altro utente di Facebook e che ha scatenato la reazione indignata di decine di cittadini. Ne è consapevole Marino Nava, assessore con delega ai Lavori pubblici.

«Tamponare non è una soluzione – commenta Nava – ma serve a scongiurare incidenti e a preservare l’incolumità delle persone. Abbiamo recentemente fissato l’importo (100.000 euro, ndr) per istituire un bando ed eseguire lavori a regola d’arte per il manto stradale di Lissone, cercando di metterlo a posto una volta per tutte. Nel frattempo non possiamo lasciare le buche e per questo abbiamo squadre di operai che in queste ore mettono in sicurezza, seppure temporanea, le strade. È una lotta contro il tempo meteorologico ma la somma idonea per un lavoro definitivo è già stata individuata».

Di seguito il video, per gentile concessione di A.S., girato giovedì 23 gennaio.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi