02 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Funino for Unicef: a Desio per carpire i segreti del Barcellona

Funino for Unicef: a Desio per carpire i segreti del Barcellona

8 Gennaio 2014

C’erano due tecnici arrivati appositamente dalla Svizzera e due, addirittura, dal Brasile. C’erano diverse Federazioni del mondo collegate in streaming per la diretta. C’erano, attorno ai campi, personaggi come Filippo Galli e Aldo Dolcetti del Milan, Stefano Bellinzaghi dell’Inter, i vertici del Settore giovanile scolastico Figc Lombardia. Soprattutto, c’erano loro, in campo, i protagonisti: un centinaio di Pulcini di Inter, Atalanta, Monza, Lumezzane, Albinoleffe, Lombardia1, Real Meda e Aurora Desio, padroni di casa.funino-desio1

Tutto questo e molto altro il giorno dell’Epifania, presso lo Sporting Club di Desio dove si è svolto “FUNino for Unicef”, il primo torneo ufficiale di FUNino in Italia (promosso dall’Aurora Desio e da Brianzatornei): il gioco 3 contro 3 a quattro porte, creato da Horst Wein e sviluppato nella cantera del Barcellona. Un torneo rivoluzionario – che diventerà una tesi universitaria – che ha riscosso interesse, ammirazione, entusiasmo, testimonato da commenti unanimi. Grazie alle idee e alle varianti dello stesso Wein, giunto appositamente da Barcellona, e del prof. Marcello Nardini, presidente della Horst Wein Association.

Chi ha vinto? Il gioco, i bambini. Che hanno potuto mostrare creatività e talento senza l’assillo del risultato, senza lo stress degli ordini dei genitori (vietato dare indicazioni ai ragazzi), senza le direttive durante il gioco degli allenatori. Solo divertimento allo stato puro: rivoluzione in corso. Che nella stessa serata di lunedì si è meritata, non a caso, anche la ribalta di 90esimo minuto, dove ne ha parlato Adriano Bacconi.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Mirko Dado


Articoli più letti di oggi