26 Novembre 2020 Segnala una notizia
Brianza, il lato oscuro della differenziata. Avvisi e discariche abusive

Brianza, il lato oscuro della differenziata. Avvisi e discariche abusive

23 Gennaio 2014

Raccolta differenziata in Brianza, il rovescio della medaglia. Per comuni che spingono sulla differenziazione virtuosa, incentivando i cittadini a mandare a smaltire il meno possibile calibrando la tassa sui rifiuti in base al peso, leggasi la sperimentazione “sacco blu” di Lissone, dove dallo scorso ottobre un intero quartiere è alle prese con un microchip che “pesa” il quantitativo di scarti prodotti, e sullo stesso concetto i recenti provvedimenti di Seregno, Mezzago e Bellusco e l’ipotesi a breve raggio di Seveso, c’è il “dark side” rappresentato dai tanti angoli di Brianza destinati a ricettacolo di rifiuti e sporcizia, uno su tutti, e dai sempre più numerosi avvisi condominiali che invitano all’attenzione ed esortano i “colleghi” di stabile a fare meglio.

In Brianza si intende perseguire il “rifiuto zero” e da più parti arrivano rassicurazioni in tal senso, un assessore di Lissone ha recentemente ribadito ai nostri microfoni che esiste la possibilità di riciclare correttamente il 90% degli scarti. Di certo, gli attori protagonisti restano i cittadini che non sempre, stando a quanto si legge in diversi condomini nostrani, si dilettano con qualità tra sacchi e destinazioni varie.

avviso_differenziata_fatta_male_mbSi continuano a vedere sacchetti dell’umido abbandonati lungo il corridoio; nel vetro, ceramiche e lampadine a basso consumo, vasetti e bottiglie sporche e con altro materiale. Ingombranti, sgabelli, legna, ecc., che andrebbero portati presso la piattaforma ecologica, plastica e cartone maldifferenziati. Di questo passo dove andremo a finire?”.

Così recita uno dei tanti avvisi che denuncia la Brianza che ricicla male.

E nel vostro condominio, qual è la situazione? “Sbirciate” le procedure dei vicini? Quanto meglio si potrebbe fare la raccolta differenziata? Basta come incentivo il sacchetto col microchip?

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Commenti

  1. gli stranieri non capiscono o fanno finta…da me ci sono dei cinesi che usano un bidone solo, dei rumeni che fanno uno scatolone e lo mettono in strada e dei cingalesi che han scambiato il vetro per la plastica..tanto se ne fregano, sono in affitto e le multe le pagano i proprietari..e poi nel marasma di 40 famiglie alla fine va tutto nel calderone

    • Nel mio condominio siamo tutti brianzoli, 16 famiglie più o meno giovani, ebbene ogni tre/quattro mesi arriva puntuale la multa. Puoi scrivere cartelli, spiare chi getta la monnezza e andare a controllare dopo, niente da fare se si è incivili lo si è dentro, tanto che tu sia brianzolo, cinese o uruguaiano, quindi non facciamo sempre demagogia!!!

  2. marchi demetrio dice:

    Mi spiace per il giornalista che ha scritto un articolo semplice, mettendoci la giusta ironia e poi si trova commenti incommentabili.. Semplificando: in Italia i miei sono diritti,i tuoi sono doveri. E comunque non è vero che le multe le pagano i proprietari e, dai cinesi soprattutto, in quanto a ordine abbiamo solo da imparare.

    • a se danno la multa al condominio chi paga? l’inquilino o il proprietario?ti svelo un segreto, pagano i proprietari! fatti un giro davanti ai ristoranti cinesi al mattino e guarda nei loro bidoni cosa c’è dentro prima di parlare di ordine..

      • Giuseppe dice:

        Ma che dici? Se la tassa della monnezza la paga l’inquilino, pura la multa la paga lui. Certo se affitti “in nero” è difficile che si riesca a farsi dare “in nero” anche le multe….

        • no caro, la multa la prende il condominio,l’amministratore ripartisce in base ai millesimi tra i proprietari, quindi , la paga il proprietario di casa,non chi ci vive dentro. Certo se non capisci quello che uno scrive è complicato da spiegare.

  3. Non per sottolinare la cosa ma … lo avevo detto … in una società sostanzialmente incivile come la nostra, se si mette un chip nei sacchi della spazzatura per fare in modo che piu’ getti spazzatura piu’ paghi … è naturale che si inizi a vedere la “monnezza” volare dai finestrini delle auto, non ci vuole nostradamus per prevederlo.

  4. Fantastici i commenti di luca2. E’ sempre colpa di qualcun altro (già, guarda caso anche qui degli “stranieri”). Diciamocelo, il nostro è un povero paese, dove si cerca sempre di sfuggire alle proprie responsabilità, a partire dalle cose del quotidiano.

    • Non sono fantastici i miei commenti, semplicemente sono realtà, se vuoi ti porto i rendiconto di bilancio del mio condominio dove, fin a quando non ci son state famiglie straniere, le sanzioni per “raccolta errata” erano pari a ZERO. da quando ci sono le famiglie sopra citate, son di parecchie centinaia di euro all’anno. non credo che i miei vicini si siano rincoglioniti tutti e sbaglino a raccogliere i rifiuti da un anno con l’altro.

  5. Giuseppe dice:

    Abito a Mezzago. Con il nuovo “equosacco” abbiamo l’indifferenziato contingentato a un sacco da 60 litri a testa al mese! E siamo partiti da una differenziata che mediamente stava sui 90 litri (è il sacco standard) a testa ogni 15-21 giorni. Capisco che differenziare sempre di più sia giusto e corretto, ma spingere sempre di più sui soliti “stupidi” quando a 20 km da dove abito neanche fanno la differenziata ma mettono tutto nel sacco nero mi fare una stupidata! Appena finiscono i sacchi blu “di dotazione standard” mi aspetto i prati pieni di immondizia. Quando si vuole esagerare….

  6. comunque quelle discariche della foto ci sono sempre state, sia con il sacco pre pagato o meno; mi vengono in mente i raccordi da e per la valassina ecc. con il sacco con il chip nella mia zona a Lissone non ci sono discariche, e già questo è buono; inoltre se differenzio di più pago di meno, alla faccia di chi butta tutto insieme.
    Credo che ogni tentativo fatto contro l’indolenza è sempre positivo

Articoli più letti di oggi