05 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Più di mille firme per intitolare una strada a Vittorio Brambilla

Più di mille firme per intitolare una strada a Vittorio Brambilla

24 Dicembre 2013

Una strada per ricordare la memoria di Vittorio Brambilla, l’unico monzese ad avere vinto un Gran Premio di Formula Uno. Sono mesi che un gruppo di appassionati, utilizzando tutti i mezzi possibili, internet compreso, sta sensibilizzando i monzesi sull’argomento. E lunedì mattina, pochi minuti prima di mezzogiorno, hanno presentato al sindaco, Roberto Scanagatti, oltre mille firme che testimoniano l’amore che Monza ha ancora per un campione indimenticato e indimenticabile come Brambilla.

Il Gran premio vinto è ovviamente quello del 1975 in Austria, sotto una pioggia torrenziale che aveva intimorito gente come Lauda e Hunt, ma non lui, che a dispetto di una visibilità pari a zero, decise di spingere a più non posso, fino a tagliare il traguardo per primo. Il promotore dell’iniziativa è un vecchio amico di Vittorio Brambilla, Walter Pozzi, che ha anche aperto una pagina Facebook dove campeggia la vecchia March arancione del campione. Il primo cittadino ha accolto molto positivamente l’iniziativa e ha anche spiegato che l’amministrazione cercherà di soddisfare la richiesta.

“Non è così semplice come potrebbe sembrare – ha commentato -. Strade nuove da intitolare non ce ne sono e non possiamo certo cambiare nome a una via già esistente. Comunque, avremmo pensato a qualche strada dalle parti dell’Autodromo”.

In foto Roberto Scanagatti

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Commenti

  1. olgettinaimperat dice:

    insomma cose importanti a quanto vedo…

  2. sicuramente si per chi non “ignora” la storia della sua città, che tra l’altro ospita una struttura come l’autodromo, però fa niente magari preferiva il calcio lei….de gustibus

Articoli più letti di oggi