27 Novembre 2020 Segnala una notizia
Muggiò e l'etica per i dipendenti del comune. Le proposte arrivano dai cittadini

Muggiò e l’etica per i dipendenti del comune. Le proposte arrivano dai cittadini

5 Dicembre 2013

Come si devono comportare i dipendenti pubblici? A Muggiò lo può decidere il cittadino. Fino al prossimo 9 dicembre, infatti, data in cui scadrà l’iniziativa voluta dall’amministrazione per redigere la bozza del nuovo codice di comportamento applicabile ai dipendenti del comune di Muggiò (Dirigenti, Responsabili e dipendenti dei livelli), i cittadini muggioresi potranno presentare proposte e idee.

Il comune chiede una mano ai cittadini, «risulta opportuno coinvolgere nella definizione del Codice di Comportamento tutti i soggetti che fruiscono delle attività e dei servizi prestati dal Comune di Muggiò, quali ad esempio i Cittadini, le Organizzazioni Sindacali, le Associazioni». Come fare?

Le proposte dovranno pervenire sulla bozza di Codice di Comportamento ad oggi predisposta e consultabile qui entro il giorno 9 dicembre 2013 mediante la compilazione dell’apposito modulo. Le proposte, che saranno valutate all’interno del procedimento istruttorio, dovranno essere presentate a mano presso l’Ufficio Protocollo o il Servizio URP siti in Muggiò – Piazza Matteotti 1 – entro le ore 12 del giorno sopra indicato oppure spedite a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, entro lo stesso giorno, al seguente indirizzo: Comune di Muggiò – Segretario Generale – Piazza Matteotti 1 – 20853 Muggiò oppure inviate a mezzo posta elettronica certificata (PEC) proveniente da indirizzo di posta elettronica mittente anch’essa certificata all’indirizzo: comune.muggio@pec.regione.lombardia.it.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi