24 Novembre 2020 Segnala una notizia
Morto Nelson Mandela. Il mondo piange il simbolo della lotta contro l’apartheid

Morto Nelson Mandela. Il mondo piange il simbolo della lotta contro l’apartheid

6 Dicembre 2013

Tutte le prime pagine dei giornali, cartacei e web. Tutti i tg mondiali. Tutti i mezzi di informazione locali, nazionali ed esteri. Tutto il mondo web. Tutte le più alte cariche istituzionali hanno dedicato i loro pensieri, discorsi, servizi alla morte di Nelson Mandela. Dopo una vita dedicata all’affermazione della libertà e dei diritti degli uomini dell’Africa nera, lui, l’eroe della lotta contro l’apartheid, premio Nobel per la Pace nel 2003, si è spento ieri sera all’età di 95 anni.

L’annuncio è stato dato ieri sera dal presidente del Sudafrica, Jacob Zuma in un commosso discorso televisivo alla nazione. Zuma ha espresso profonda gratitudine per Mandela e ha ordinato il lutto nazionale. Le bandiere saranno a mezz’asta in tutto il Paese da venerdì al giorno delle esequie.

MBNews lo vuole ricordare in queste righe e alcuni filmati.

Madiba, soprannome che deriva dal suo clan di appartenenza. Un uomo cresciuto nello spietato regime dell’apartheid razzista che oppresse il Sudafrica dal 1948 al 1994; un leader che ha abbracciato e guidato la lotta armata. Incarcerato all’inizio degli anni Sessanta, passò 27 anni in prigione e venne liberato solo nel 1990, lavorando poi al processo di transizione democratica che lo portò a vincere le elezioni con l’ANC nel 1994. Dopo un mandato da presidente, terminato nel 1999, Mandela rinunciò a ricandidarsi (gli successe il suo vice Thabo Mbeki) preferendo concentrarsi sull’impegno umanitario e in particolare sulla lotta contro l’AIDS – uno dei problemi più drammatici del nuovo Sudafrica – attraverso la Nelson Mandela Foundation. Ebbe anche diversi ruoli di mediazione in alcune gravi crisi africane, come quelle nella Repubblica Democratica del Congo e in Burundi. Nel 2004 annunciò il suo ritiro dalla vita pubblica.

Nelson Mandela ha avuto un obiettivo in tutta la propria vita da leader: l’unità degli africani.

Mandela release from prison speech (full speech)

Il mondo piange un giganete (by Euronews)

Nelson Mandela – La storia siamo noi (by Rai)

Nelson Mandela Day: per costruire un mondo più giusto (by Euronews)

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Commenti

  1. quelli che idolatrano i partigiani dovrebbero studiarsi la storia di quest’uomo e confrontarla con la storia del post-25 aprile italiano. come si reagisce all’ingiustizia, uno con la non violenza e la riconciliazione nazionale,e gli altri con una guerra civile in cui ammazzarono migliaia di persone , fascisti, forse fascisti, antifascisti non comunisti e pure quello che gli ha messo le corna già che ci siamo. risultato: oggi il sudafrica è una nazione unita (in buona parte), l’italia ancora divisa

    • MassimoGH dice:

      che il sudafrica sia unito non direi,basta leggere dei continui assalti alle farm dei bianchi boeri.Diciam che si è ribaltata la situazione..Poi sui nostri partigiani,totalmente ragione!

      • Son d’accordo!!

        • MassimoGH dice:

          che bravi tutti e due,volete l’applauso? complimenti per la tolleranza dimostrata e le belle parole della canzone.bravi bravi bravi,son quasi commosso.

          • Poveretto!!! dice:

            Questa canzoncina da asilo postata dal compagno nostalgicone dimostra che non ha capito un cazzo( non ne avevo dubbi)di quello che diceva mandela..

      • MassimoGH dice:

        se vuoi ti do l’indirizzo di casa mia così passi a trovarmi..visto che non vuoi fermarti..vieni che ne parliamo..facile insultare dietro un pc..coniglio

    • L’Italia è ancora divisa perché “qualcuno” negli ultimi 20 anni ha seminato odio ed ha plagiato parte degli italiani con la parola comunisti come se fossero dei mostri. Se oggi nel bene e nel male vivete liberi dovete solo ringraziare i partigiani e tutti coloro che hanno dato la vita per la libertà, non quelli che hanno combattuto per il contrario.

      • Veramente l’italia è stata salvata dagli americani.è storia. i partigiani son intervenuti dopo..comunque..se tu parli di partigiani a 70 anni dalla fine della guerra, poi pretendi che nessuno parli di “comunismo”? dai su..SDOGANATEVI che siamo nel 2014!!!

        • Possiamo anche sdoganarci ma la storia nostra è anche quella e non va dimenticata. Il comunismo in Italia è finito il fascismo (sotto altri nomi) purtroppo resiste!

      • ForzaMonza dice:

        non diciamo idiozie, i partigiani comunisti volevano sostituire una dittatura con un’altra. grazie agli americani (e a quegli italiani che non se la sono bevuta la storiella di Togliatti, il peggior criminale che l’italia abbia partorito.) siamo (più o meno) liberi.
        e berlusconi è arrivato molto dopo .. il vostro odio verso di lui (personaggio che amo molto poco, per altro, salvo solo l’anticomunismo in berlusconi) è solo uno della lista. voi sapete solo odiare le persone libere e chiunque la pensi diversamente, o meglio chiunque pensi.

        • Non so su quale libro tu abbia studiato la storia… e poi dite che sappiamo solo odiare… in questo siete maestri… Le persone libere si confrontano civilmente e rispettano le idee degli altri come io rispetto la tua anche se non sono d’accordo. Pazienza io me ne farò una ragione, ma credo tu non ci riuscirai mai.

Articoli più letti di oggi