18 Giugno 2021 Segnala una notizia
L'Autodromo di Monza che non c'è, ma che ora deve pagare le tasse...

L’Autodromo di Monza che non c’è, ma che ora deve pagare le tasse…

9 Dicembre 2013

Dopo il Golf Club, adesso tocca all’Autodromo di Monza passare sotto i raggi del Catasto. Il Comune, d’accordo con Sias, la società che gestisce l’impianto sportivo, e con la collaborazione di un professionista esterno, ha censito i 220 ettari occupati dal “Tempio della velocità brianzolo”.

Il risultato ha fatto emergere il mancato accatastamento di numerose nuove costruzioni, dalle tribune in acciaio alla palazzina del box, passando per le salette ospitalità. Insomma, un vero e proprio Autodromo fantasma, fermo secondo le carte agli anni Cinquanta. L’operazione è stata avviata nel 2010, ma è rimasta ferma più di un anno a causa di alcune complicazioni con la costruzione di un nuovo distributore. Per la verifica sono stati utiizzati strumenti topografici e Gps e, addirittura, per ben tre volte sono stati percorsi i quasi 6 chilometri del nastro d’asfalto prendendo 2 mila punti di riferimento.

Alla fine sono state registrarte decine di nuove tribune, il centro medico e anche sostanziose modifiche del tracciato della pista come la Variante Ascari. Il rilevamento è quasi ultimato. La realzione finale sarà presentata in giunta entro gennaio. Dopo di che, il tutto passerà all’ufficio Truibuti per verificare a quanto ammonta l’Ici pregressa. Una verifica analoga era stata fatta anche sul Golf Club Milano.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Riccardo Rosa
Monzese di nascita, ma sogno California. Amo le serie tv americane e lo streaming (legale) oltre ad un'insana passione per la cara vecchia Inter. Ho 47 anni, ma nell'animo mi sento un 18enne, sempre alla ricerca di nuove esperienze con la mia nuova bicicletta fiammante. Ah già, dimenticavo: da anni sono un giornalista e con le lettere e il punto e virgola ho un rapporto viscerale. Cosa mi manca? Un biglietto aereo sempre pronto per i mari del Sud.


Articoli più letti di oggi