25 Novembre 2020 Segnala una notizia
La Stazione Monza Est ha perso il "treno" dell'Expo? Le domande di un lettore

La Stazione Monza Est ha perso il “treno” dell’Expo? Le domande di un lettore

2 Dicembre 2013

La Stazione Monza Est  ha perso anche il “treno” dell’Expo? A porre questa domanda è un cittadino monzese che, in merito alla notizia riguardante il progetto ferroviario regionale “BRIANZA EXPO” del 28 novembre, ha chiesto delle delucidazioni all’amministrazione comunale attraverso una lettera firmata.

«Uno legge Brianza e pensa a Monza, magari ad una fermata prossima alla Villa Reale (sede istituzionale dell’Expo), alla Stazione Monza Est, e invece no – scrive il lettore. Il progetto ferroviario regionale “BRIANZA EXPO”, presentato dall’assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Maurizio Del Tenno, riguarda la linea Milano- Seveso-Asso. Un investimento complessivo di 75 milioni di euro per sistemare dodici fermate e realizzarne ex novo altre due . E poi: tre chilometri e mezzo di marciapiedi alti, due chilometri di pensiline, undici nuovi sottopassi, 302 nuovi posti auto, 19 ascensori.
Ma la cosa più importante è che i lavori inizieranno al gennaio 2014. E la Stazione Monza Est? Nulla.
L’infrastruttura ferroviaria non si modifica solo con l’iniziativa comunale, posto che ci sia. Deve esserci una volontà ed una progettualità più ampia, per lo meno regionale. Per fare questo ci vuole iniziativa politica, occorre che il problema arrivi ai piani alti della Regione, occorre che l’opinione pubblica e i giornali stimolino i politici comunali e regionali. Dal sindaco Scanagatti e/o dall’assessore Confalonieri sarebbe interessante sapere: cosa hanno fatto fino ad ora, cosa hanno in programma di fare, quando raggiungeranno l’obbiettivo e che cosa può fare l’opinione pubblica per aiutarli?».

Paolo Confalonieri

Paolo Confalonieri

Alle specifiche domande del cittadino ha dato una risposta l’assessore alla Mobilità Paolo Confalonieri:
«Molto volentieri le dico per punti cosa abbiamo fatto finora per realizzare la nuova fermata di Monza Est Parco. In primis abbiamo da fine 2012 a metà 2013 lavorato tecnicamente (Comune, Regione, RFI) per verificare che esistessero le condizioni per realizzare la fermata. L’esito è positivo e a partire dal 2016, quando RFI realizzerà lavori già pianificati e finanziati alla stazione di Monza che miglioreranno il tempo di percorrenza sul tratto Monza-Villasanta della linea Monza-Molteno-Lecco, sarà possibile far fermare i treni a Monza Est Parco. Ho poi di recente incontrato il Direttore Compartimentale RFI che mi ha confermato il nulla osta di RFI alla realizzazione della fermata, le cui spese sono interamente a carico del Comune di Monza. Ho quindi scritto all’assessore Del Tenno di convocare Il Direttore RFI e il Sindaco di Monza per avviare l’iter procedurale al fine di addivenire a una convenzione fra le parti; a fronte dell’avvio dell’iter può iniziare la progettazione definitiva dei lavori (spostamento binari Monza-Molteno-Lecco, realizzazione sottopasso ciclopedonale e di futuro accesso ai binari della Monza-Carnate fra le vie De Marchi ed Einstein). In occasione di un incontro in Regione Lombardia convocato dall’assessore Del Tenno cui ero presente, gli ho personalmente chiesto di fare il possibile per convocare in fretta tale riunione».

L’assessore Confalonieri ha inoltre spiegato come nel Piano Opere Pubbliche sia prevista la voce di spesa per Monza Est Parco: «Se tutto procede come deve, nel 2014 si progetta e nel 2015 si realizza».

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. MassimoC dice:

    3 anni per realizzare 1 marciapiede (perchè alla fin fine tale sarà la nuova fermata) e un sottopasso. Senza contare gli anni già trascorsi, circa una quindicina, da quando se n’è cominciato a parlare.
    Itaglia.

Articoli più letti di oggi