04 Dicembre 2020 Segnala una notizia
Il lato creativo del mondo artigiano. Intervista a Donatella Nobilio

Il lato creativo del mondo artigiano. Intervista a Donatella Nobilio

19 Dicembre 2013

«Mi definisco una autoproduttrice che si occupa di tutto ciò che concerne la decorazione e l’arredamento di interni». Descrive così la propria attività Donatella Nobilio, residente a Villasanta, nata come designer e successivamente specializzatasi in decorazioni, in particolare con tecnica trompe-l’œi. «Dipingo qualsiasi superficie si presti, dai mobili, agli armadi, passando per sedie, tavoli e perfino scarpe. Avendo lavorato a lungo in aziende che producono mobili su misura cerco di coniugare l’arredamento alla decorazione, trasformando ogni pezzo in un articolo esclusivo».

La crisi ha sviluppato la creatività degli imprenditori? Cosa ne pensa una professionista della creatività?

Sicuramente è stata uno stimolo per molti, perché non ha permesso a nessuno di adagiarsi. Di contro, certamente, da tre anni a questa parte è diventato molto difficile lavorare. In particolare credo sia stato necessario restare “al passo”, aprire alla tecnologia, mettersi in discussione. Io, per esempio, che sono una cultrice della “mano libera”, ho cercato di imparare il lato digitale del mio lavoro. Non è facile, anche perché non basta più sentirsi dire “che brava” o “che bei lavori”. La crisi ha messo a dura prova molte realtà. Essere bravi non è più l’unica soluzione. La vivo come una sfida.

Come vedi il futuro?

Il mio desiderio è l’apertura di laboratori creativi, spazi comuni dove artisti e designer possano lavorare insieme, trovando sinergie e stimoli reciprocamente. Creando una sorta di grande mercato per le persone, per fare “toccare con mano” il nostro lavoro. Stare da soli è importante, per ponderare e trovare le giuste motivazioni ma poi la parola d’ordine deve diventare “condividere”. Era il mio sogno già vent’anni fa.

Tre aggettivi per il mondo del lavoro brianzolo.

Perseverante. Competitivo, grazie all’alta qualità. Creativo, la creatività è la base dell’artigianato.

Che consigli daresti a un giovane brianzolo intenzionato a diventare artigiano?

Di mostrarsi al resto del mondo. I tempi sono cambiati, difficilmente il cliente arriverà dall’artigiano brianzolo, deve invertirsi la tendenza e dovrà essere l’artigiano ad andare fuori, ad aprirsi e fare conoscere i propri prodotti e le proprie qualità. In un certo senso gli consiglierei di “esplodere” verso l’esterno e di non attendere che succeda qualcosa. Certo, pensarci bene e valutare gli eventuali rischi, ma l’attesa passiva è la cosa peggiore.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Commenti

  1. BRAVA DONATELLA

  2. I FRUTTI DEL FUOCO dice:

    BRAVA DONATELLA! rappresenti una categoria molto più ampia di quanto si pensi. i creativi sono il cuore pulsante e un po’ folle dell’artigianato ed è fondamentale mantenere vive le nostre passioni altrimenti se ne andrebbe con noi un pezzo della storia e della tradizione brianzola.

    • Donatella Nobilio dice:

      Grazie, è verissimo, bisogna mantenere vive le nostre passioni, perchè sono loro che ci tengono vivi!

Articoli più letti di oggi