16 Giugno 2021 Segnala una notizia
«Essere artigiani oggi». Intervista alla Gd di Guidetti e Dassi

«Essere artigiani oggi». Intervista alla Gd di Guidetti e Dassi

12 Dicembre 2013

«L’evoluzione professionale dell’artigiano coniuga conoscenze scientifiche e tecnologiche alla voglia di “sporcarsi le mani” e di lavorare fino a tardi». Come succede alla Gd Snc di Valter Guidetti e Stefano Dassi, realtà artigianale con 15 anni di storia, 8 dipendenti e una fabbrica di 1300 metri quadri a Biassono, in via Emilia. «Cerchiamo di offrire una gamma completa per quanto concerne l’arredamento per interni, – spiegano i titolari – proveniamo da due storiche realtà artigiane del territorio e circa quindici anni fa ci siamo fusi puntando su attrezzature tecnologiche e risorse umane qualificate e specializzate».

Quattro centri di lavoro, una bordatrice automatica e macchinari di ultima generazione sono la “ricetta” della Gd. «Programmare i cicli di lavoro su queste apparecchiature necessita di conoscenze mirate e spesso si tratta della parte più importante dell’attività, quella che richiede più tempo».

Come vivete questi anni di crisi?

Gli aspetti più rilevanti sono la ridotta marginalità e la pesantezza burocratica che soffoca le aziende. Quest’ultima, in particolare, è una situazione che manca completamente di equilibrio tra le diverse realtà imprenditoriali d’Italia.

Tre aggettivi per il mondo del lavoro brianzolo

Competitivo. Versatile. Poco valorizzato. All’estero enfatizzano moltissimo le proprie produzioni. Noi, per esempio, ma vale per molte altre imprese artigiane in Brianza, siamo come una famiglia, ci conosciamo e frequentiamo anche oltre l’orario di lavoro e questa è una caratteristica che si rispecchia nel lavoro, nella cura e nella passione che ci mettiamo. Quasi fosse una tradizione che si tramanda, con i dipendenti che si identificano nell’azienda e viceversa. Ma è un concetto che non passa. È un concetto a cui non viene data la giusta importanza.

Che consigli dareste a un giovane brianzolo intenzionato ad avviare un’attività artigianale in Brianza?

Gli chiederemmo se ha la giusta preparazione culturale, scientifica e scolastica. Se ha voglia di fare fatica, di rimboccarsi le maniche, di tirare sera in fabbrica. E di pensarci bene perché non è un gioco. Il consiglio è di fare un po’ di gavetta, di mettere alla prova la propria passione per il mondo artigiano.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi