28 Novembre 2020 Segnala una notizia
Agrate si ferma: St e Micron in sciopero. In 500 sotto il comune

Agrate si ferma: St e Micron in sciopero. In 500 sotto il comune

9 Dicembre 2013

Quattro ore di sciopero, l’ingresso dell’autostrada di Agrate bloccato per un quarto d’ora e un presidio di quasi 500 persone davanti al comune. Si sono voluti far sentire i lavoratori di St e Micron preoccupati per il proprio futuro.

Ad attenderli in piazza il sindaco di Agrate Ezio Colombo, i consiglieri regionali Fabrizio Sala (FI) e Enrico Brambilla (PD), insieme al senatore di Forza Italia Andrea Mandelli e Dario Viola del Movimento Cinque Stelle e il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia, Rosario Mancino.   st-sciopero-piazza2

“Tutte le forze politiche hanno voluto essere qua in piazza per far sentire la propria vicinanza alla vostra protesta – ha dichiarato il sindaco Ezio Colombo davanti ai lavoratori in sciopero – il vostro è un problema che non ha colore politico e che tutti dobbiamo affrontare e cercare di risolvere”.

Vicinanza anche da parte di Fabrizio Sala, consigliere regionale e sottosegretario della regione a Expo 2015:

“E’ paradossale – ha sottolineato Sala – il fatto che, mentre da una parte si tenta di investire in ricerca, dall’altra ci siano multinazionali che cercano di andarsene dal nostro territorio, spostando le attività di ricerca in altri Paesi. Su questo, e lo dico anche in qualità di consigliere regionale della Brianza, ci deve essere una attenzione alta e costante da parte di tutte le Istituzioni”.

I timori per il lavoratori di Stmicroeletronics sono che, come annunciato, il governo italiano, maggiore azionista dell’azienda, venda parte delle quote in suo possesso, rischiando di aprire una crisi nell’azienda. Per Micron invece le paure arrivano dall’annuncio a livello mondiale, di un programma di tagli per il 2014 che dovrebbe investire anche Agrate, non si hanno ancora numeri precisi ma non sarà sicuramente un passaggio indolore, come denunciano i sindacati.

“Ogni anno lo Stato, come azionista di St, guadagna come dividendi circa 40milioni di euro – afferma Gigi Redaelli, segretario Fim Cisl Brianza – vendendo parte delle sue quote oltre a perdere i profitti, rischierebbe di colpire gravemente l’occupazione dell’azienda e di tutto l’indotto. I lavoratori di Micron che già oggi non hanno certezze per il futuro, avrebbero un contraccolpo ulteriore nel caso St perdesse la sua competitività: per questo è importantissimo che lo stato non venda le sue quote e anzi investa nelle nuove produzioni come la linea produttiva dei “12 pollici”. La politica avrà un gran peso sul futuro occupazionale del nostro territorio”.

Giovedì i rappresentanti St e i sindacati si trasferiranno a Roma per un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico per discutere della situazione di Agrate: “Parleremo delle preoccupazioni per St e della possibile vendita di quote – afferma Angela Mondellini, Fiom Cgil Brianza – ma anche delle conseguenze che queste potrebbero avere sui colleghi di Micron che potrebbero subire oltre a tagli del personale, anche una fuga di idee e tecnologie verso l’estero. Non vogliamo che ancora una volta una multinazionale sfrutti capacità e conoscenze nostrane per portarle all’estero e lasciare a casa i nostri lavoratori”.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Lorenzo Giglio
Classe 1981, giornalista pubblicista, ho sempre cercato la verità bella o brutta che sia in tutto ciò che mi circonda. Amante dell'arte, della fotografia e soprattutto del rock, non mi tiro mai indietro se devo guardare una bella partita di calcio. Non mi piacciono gli schemi prestabiliti e trovo troppo strette le appartenenze di partito, anche perchè come dicevano i Queen: "Anyway the wind blows doesn't really matter to me".


Articoli più letti di oggi