12 Novembre 2019 Segnala una notizia
Agrate, Micron: la voce delle istituzioni si sposta in Regione

Agrate, Micron: la voce delle istituzioni si sposta in Regione

12 Dicembre 2013

“Ci aspettiamo un annuncio pesante, si parla di alcune centinaia di esuberi sui 1100 dipendenti rimasti in Italia; la maggior parte dei tagli sarà concentrata nello stabilimento di Agrate Brianza”.

L’allarme è stato lanciato oggi in Commissione Lavoro e Attività Produttive del Consiglio regionale che ha ricevuto in audizione, presenti anche il rappresentante Fim Cisl Gianluigi Radaelli e il sindaco di Agrate Brianza Ezio Colombo, i delegati Rsu della Micron dove si progetta e produce parte delle tecnologia di memorie e semiconduttori più avanzati che includono tecnologie DRAM, Flash NAND, Flash NOR e memorie a cambiamento di fase (PCM).

Ad Agrate Brianza lavorano circa 600 persone, per la maggior parte ingegneri e personale altamente qualificato, 170 dei quali operano nella divisione tecnologica. I delegati hanno informato la Commissione che Micron ha deciso di accentrare ricerca e sviluppo negli Stati Uniti e che nel piano di ridimensionamento gli stabilimento italiani, compreso quello di Agrate Brianza, sono nel mirino di un piano di ridimensionamento. Delegati e sindacato hanno chiesto a Regione Lombardia di mettere in campo il proprio peso politico-istituzionale in sinergia con il Governo per una soluzione che “eviti il ricorso agli ammortizzatori sociali perché la società ha le tutte le carte in regola per continuare la sua progettazione e produzione lombarda”. In particolare è stata sollecitata un’attenzione particolare sui fondi europei dedicati a ricerca e sviluppo, che potrebbero consentire gli investimenti e salvaguardare in questo modo l’occupazione.

Il Consigliere Segretario della IV Commissione Enrico Brambilla (PD), che ha coordinato l’audizione, ha annunciato la presentazione di un documento che andrà al vaglio del Consiglio regionale nel quale si solleciterà la Giunta ad attivarsi e impegnarsi per una soluzione positiva. Alla audizioni erano presenti Mauro Piazza (Nuovo Centrodestra), il Presidente della Commissione Angelo Ciocca e Donatella Martinazzoli (Lega Nord), Marco Tizzoni e Carolina Toia (Maroni Presidente), Stefano Buffagni e Dario Violi (Movimento 5 Stelle).

 

fonte: ufficio stampa Consiglio Regionale della Lombardia

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" sarai aggiornato in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate il 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Articoli più letti di oggi

Monza, pulizia d’autunno al deposito veicoli abbandonati della polizia locale

Negli anni sono stati accatastati 33 fra autoveicoli e motocicli e 29 biciclette che nessuno a ha rivendicati. Saranno demoliti

Artigiano in Fiera: novità 2019 accesso gratuito con pass. Scopri come ottenerlo

Appuntamento dal 30 novembre all'8 dicembre nei padiglioni di Rho Fiera con apertura tutti i giorni dalle 10.00 alle 22.30.

Addio al giudice Giuseppe Airò: era da 40 anni in servizio al Tribunale di Monza

E' deceduto oggi il giudice del Tribunale di Monza Giuseppe Natalino Airò. Sessantotto anni, dagli anni Ottanta in servizio a Monza. Era da alcuni mesi assente dal lavoro per problemi di salute.

Incendio al castello di Sulbiate: arrestata l’autrice del rogo

E' finita in manette l'autrice dell'incendio al castello di Sulbiate: si tratta di una donna italiana, impiegata, residente nella periferia ovest di Milano. Il movente è passionale.

Concorezzo, violenta lite tra due donne fuori da un locale: una finisce in ospedale

Violenta lite tra due donne di nazionalità ecuadeoregna, a Concorezzo, fuori da un locale. Una delle due ha avuto la peggio ed è finita in ospedale in codice giallo.