18 Giugno 2021 Segnala una notizia
Litiga con il cugino e lo accoltella, arrestato nella notte il presunto killer di Sovico

Litiga con il cugino e lo accoltella, arrestato nella notte il presunto killer di Sovico

15 Novembre 2013

Erano in Italia per trovare la loro strada, dividevano l’appartamento e la quotidianità. Qualcosa ha però scatenato un acceso diverbio tra due ventenni egiziani, cugini, culminato in omicidio. Nella notte appena trascorsa i carabinieri hanno fermato il presunto assassino.

Si chiamava El Tablawy Ahmed Mostafa Aly, di 25 anni, la vittima di una brutale aggressione mortale avvenuta ieri pomeriggio in un appartamento di Sovico, dove il giovane conviveva con il cugino di un anno più giovane. A scatenare la miccia della violenza una discussione, la cui natura è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime ricostruzioni dei fatti, su cui indagano i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano e della Compagnia di Monza, coordinati dalla Procura di Monza, sembra che i due ragazzi si trovassero in casa nel pomeriggio di ieri, quando il diverbio ha avuto origine. In pochi attimi la situazione sarebbe degenerata fino a spingere il 24 enne ad impugnare un coltello e colpire il cugino al petto. Fuggito immediatamente, lasciando El Yablawy a terra in una pozza di sangue, il presunto killer si è rifugiato ad Albiate, a casa di altri parenti. Soccorso da un parente che si trovava in casa con loro ed aiutato da alcuni amici, Mostafa Aly è arrivato all’ospedale di Carate Brianza ormai cadavere. Questa notte i carabinieri hanno fermato il cugino, dopo averlo rintracciato ad Albiate. Su di lui pende l’accusa di omicidio volontario.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Commenti

  1. Sono delle risorse! di cui l’italia non può proprio farne a meno.Per quello hanno organizzato un servizio navetta pagato da noi Tripoli-Lampedusa.Avanti così..l’invasione .Come se non avessimo già la feccia italica che compie sti fatti..importiamola pure dagli altri paesi…Razzista? no, stufo.

Articoli più letti di oggi