25 Novembre 2020 Segnala una notizia
Sesto, grazie alla stampa tolta (forse) la tassa sulle scritte lapidarie

Sesto, grazie alla stampa tolta (forse) la tassa sulle scritte lapidarie

4 Novembre 2013

Ricordate la storia dell’odioso balzello sestese sulle lettere che compongono le dediche sulle lapidi cimiteriali? Sembra che proprio, grazie all’eco sulla stampa (a cui anche MB News ha contribuito) la storia si sia conclusa positivamente. Ieri mattina infatti la povera vedova che si era vista recapitare 600 euro in più, oltre le spese del funerale, per pagare quella tassa paradossale, ha ricevuto le scuse del funzionario dell’ufficio cimiteriale e la promessa che la tassa non la pagherà. E probabilmente verrà eliminata per tutti.

A comunicarlo sulle sue pagine di facebook è stato Roberto Di Stefano il consigliere comunale di Forza Italia che ha fatto “scoppiare il caso” e che ha presentato un’interrogazione al sindaco Monica Chittò per eliminare questo odioso balzello che impone – solo a Sesto in tutta Italia – di pagare due euro a battuta (lettera) per ogni dedica sulle lapidi di marmo dei loculi al cimitero.

Il tutto perché la scritta in un luogo pubblico come il cimitero sarebbe assimilabile a pubblicità a pagamento! A prima vista comunque, con le promesse del funzionario e del vicesindaco Cagliani, vicenda sembra chiusa, anche se Di Stefano non è certo al 100 per cento. «Fino ad oggi nè la vedova, nè io ho ricevuto risposte o rassicurazioni scritte, speriamo che l’eco sulla stampa costringa il sindaco a mettere una parola fine anche rispondendo per iscritto alla mia interrogazione».

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Laura Marinaro
Giornalista dalla punta dei capelli a quella dei piedi. Nella vita di cronista e di comunicatore a 360 gradi ho fatto di tutto. Gli inizi a La Notte, ultimo quotidiano del pomeriggio, e poi i viaggi per il mondo. Il ritorno alla cronaca è stato a Monza dove attualmente faccio base ma per espandermi nel milanese e in Lombardia. Amo indagare soprattutto sui fenomeni di corruzione. Ho pubblicato due libri, uno sui papà separati e uno sulla Corruzione e ora sono impegnata nel sociale con CosaPubblica. Passioni? Oltre il lavoro la mia splendida Martina;)


Articoli più letti di oggi