19 Giugno 2021 Segnala una notizia
Ghiaia sull'asfalto, scivolò in scooter e morì. Il Comune risarcirà la famiglia

Ghiaia sull’asfalto, scivolò in scooter e morì. Il Comune risarcirà la famiglia

15 Novembre 2013

Una giovane promessa del calcio, ucciso da un incidente stradale provocato dal manto stradale ghiaioso. Il Comune di Nova Milanese risarcirà la famiglia di 800mila euro.

Una storia drammatica quella di D.M., un quattordicenne di Nova Milanese morto in un incidente stradale nel 2006. La dinamica è ben chiara fin da allora. Il ragazzino era in sella al suo scooter, stava tornando a casa, ha imboccato la provinciale da Varedo a Monza, strada dove la manutenzione della strada non era delle migliori a causa della presenza di ghiaia, è scivolato ed è finito investito sotto a un tir.

Una tragedia per una famiglia e per la squadra giovanile della Pro-Sesto, dove il piccolo campione avrebbe iniziato a giocare di li a poco. Archiviata dalla Procura l’inchiesta per omicidio colposo nei confronti del conducente del Tir, il quale non è risultato in alcun modo responsabile del sinistro, la famiglia del ragazzo ha deciso di rivalersi con il Comune di Nova per ottenere un risarcimento danni. Sarebbe infatti emerso che a causare la scivolata del quattordicenne sia stata della ghiaia presente sul manto stradale. Il Giudice del Tribunale di Monza ha condannato qualche giorno fa il comune al pagamento di un risarcimento di 800 mila euro.

 

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Articoli più letti di oggi