23 Giugno 2021 Segnala una notizia
Le canzoni di Adele tradotte in dialetto lombardo: l'ultima impresa di Renato Ornaghi

Le canzoni di Adele tradotte in dialetto lombardo: l’ultima impresa di Renato Ornaghi

26 Novembre 2013

Cantare in dialetto lombardo le celebri canzoni dell’inglese Adele può sembrare, a prima vista, un azzardo. Ma Renato Ornaghi arriva ancora una volta a smentire le nostre perplessità. Dopo le traduzioni in quella che lui chiama “Lengua Mader” dei Beatles e dei Rolling Stones, il sostenitore di una pratica decisamente moderna della lingua “Lombarda Occidentale”, si è voluto mettere di nuovo alla prova traducendo le canzoni di uno degli album più venduti a livello mondiale degli ultimi anni: “21”, di Adele, vincitore di ben nove Grammy Awards.

È così arrivato nelle librerie “21 – Vintùn”, ovvero “dódes canzon de Adèle per dódes città de l’Insubria”, libro-cd che Ornaghi ha realizzato con la cantante Lucia Lella. Presentato al Libraccio di via Vittorio Emanuele 15, a Monza, lo scorso sabato 23 novembre, “Vintùn” raccoglie le dodici canzoni che Ornaghi ha tradotto in dialetto: accanto a questi, comodi testi a fronte in italiano e schede di approfondimento sulle principali dodici città dell’Insubria, e cioè Bellinzona, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza, Novara, Pavia, Sondrio, Varese e Verbania.

«I canti d’amore in dialetto interpretati da una voce femminile sono una rarità – ha commentato Ornaghi – abbiamo creato un format innovativo e abbiamo intenzione di realizzare presto altre cover».

Presente anche lo scrittore brianzolo Erminio Bonanomi, che ha mostrato al pubblico l’ultima sua invenzione, il divertente “Tegnament”: “un giuoco di carte per non dimenticare il dialetto”.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Federica Fenaroli
Cultura, cucina e animali sono il mio pane quotidiano - beh, gli animali solo in senso metaforico, sono vegetariana da una vita. Quando non scrivo leggo tutto quello che mi capita tra le mani, sforno dolci (al cioccolato) o curo le mie rose (rosse). Scrivo per MB News dal 2012.


Articoli più letti di oggi