28 Novembre 2020 Segnala una notizia
Divario tra salari, in Svizzera un referendum per regolarlo. E in Italia?

Divario tra salari, in Svizzera un referendum per regolarlo. E in Italia?

18 Novembre 2013

Diminuire il divario tra i salari. È quello che propongono in Svizzera, con un referendum che si terrà domenica 24 novembre. L’iniziativa, presa già nel 2011 dalla JUSO (Gioventù socialista svizzera), prevede di introdurre delle modifiche nella Costituzione per regolare in modo più equo la proporzione tra i salari, secondo il rapporto di 1:12. In pratica significa che, all’interno di una stessa azienda, nessuno stipendio mensile potrà essere superiore a quello minimo annuale.

«Un salario 12 volte più elevato può bastare», dicono i promotori della campagna, ma in realtà il rapporto è più che altro un’indicazione, ed è proporzionato alle ore di lavorative: per esempio, se un dirigente lavora 60 ore alla settimana il suo stipendio sarà 18 volte superiore a quello di un suo dipendente che ne lavora 40. Inoltre, sono anche previste delle eccezioni: i salari di persone con lavoro part-time, in formazione, in stage o con posti di lavoro protetti non verranno conteggiati come “stipendio minimo”.

Il referendum è motivato dalla crescita esponenziale del divario tra i salari svizzeri negli ultimi anni: nel 1984 il rapporto tra lo stipendio minimo e quello massimo era di 1:6, nel 1998 di 1:13, nel 2011 di 1:43.

E in Italia? Gli svizzeri si indignano per un rapporto di 1:43, ma da noi, secondo uno studio della Fisac-Cgil, il rapporto è di 1:163, con punte anche superiore se andiamo a considerare i top manager delle grandi aziende.

Voi cosa ne pensate? Equità o attacco al libero mercato? Minaccia o tutela sociale?

 

by G.S.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Redazione
La redazione di MB News è composta da giornalisti professionisti e pubblicisti. Il direttore è Matteo Speziali col quale ogni giorno chi collabora con il giornale si confronta per offrire a voi lettori un giornale di giorno in giorno più interessante e più vicino a voi. Se avete qualche bella storia da raccontarci o se volete denunciare un fatto chiamate lo 039361411 oppure scrivete a redazione@mbnews.it .


Commenti

  1. MassimoC dice:

    Grandi Svizzeri, come sempre!
    I dirigenti mettono una firmetta senza nemmeno sapere cosa firmano (tanto tutto il lavoro glielo fanno gli impiegati) e vengono sommersi dai soldi. E non dite che hanno la responsabilità, xkè quando vengono beccati trovano sempre il modo x scaricare la colpa e pararsi il culo. E se proprio proprio vengono licenziati, beccano talmente tanti soldi che un impiegato ci mette vent’anni a guadagnare il suo buono uscita.
    Probabilmente è anche per questo che l’itaglia va a rotoli: finchè c’è la cricca dei papponi….

  2. In Italia siamo troppo presi a discutere sulle vicende giudiziarie di qualcuno o su altre simili questioni di lana caprina. Dove sono le misure per favorire la ripresa economica ? dove sono le riforme per la modernizzazione dello Stato ?

Articoli più letti di oggi