26 Novembre 2020 Segnala una notizia
Polemica. Maggioranza e opposizione ai ferri corti per un “buco” in bilancio

Polemica. Maggioranza e opposizione ai ferri corti per un “buco” in bilancio

27 Novembre 2013

Maggioranza e opposizione ai ferri corti per un “buco” di bilancio da oltre 3 milioni e 300mila euro. Quello andato in onda martedì sera è stato un Consiglio comunale a dir poco infuocato. Tutto nasce da un debito che il Comune di Monza dovrebbe saldare alla Provincia per la gestione del trasporto pubblico locale. Soldi che il sindaco, Roberto Scanagatti, sperava di pagare con calma nel tempo e che invece una sentenza del Tar e un parere dei revisori dei conti lo obbligano a mettere subito mano al portafoglio, annunciando la presentazione di un emendamento all’assestamento di Bilancio che non prevedeva la spesa.

Le opposizioni parlano di un vero e proprio buco, mentre dai banchi della giunta si cerca di normalizzare la situazione parando di debito potenziale. Al di là dei sofismi tecnico-politici, rimangono la dure critiche che “la nuova” Forza Italia ha indirizzato all’esecutivo cittadino e una nuova difficoltà economica che l’amministrazione, già in ambasce per la crisi economica, dovrà affrontare a breve termine. Anzi, brevissimo.

Debora Donvito

Debora Donvito

Ad illustrare ieri la situazione all’Assise cittadina è stata l’assessore al Bilancio Debora Donvito: «Il Collegio dei revisori dei conti del Comune di Monza ha chiesto che in sede di approvazione dell’assestamento al bilancio di previsione 2013, in discussione in Consiglio comunale da ieri sera, venga inserito un accantonamento prudenziale per eventualmente far fronte al debito con la Provincia di Monza sul trasporto pubblico locale. L’accantonamento sarà congruo e proposto con un emendamento del sindaco. La cifra del debito non è comunque ancora certa, perché il Tar ha detto che la Provincia ha diritto al pagamento senza però stabilirne l’importo. Ricordiamo anche che contro il giudizio del Tar il Comune ha deciso di fare ricorso al Consiglio di Stato».

Martina Sassoli

Martina Sassoli

Spiegazione, questa, che non ha convinto il consigliere di minoranza Martina Sassoli (FI): «Io l’avevo detto – ha tuonato il consigliere di Forza Italia- Avevo sollevato  la questione in consiglio sia ad agosto che ad ottobre. L’assessore al Bilancio Debora Donvito disse di non preoccuparsi. Il sindaco, poi, aggiunse che non era necessario inserire questo debito in quanto intenzionati a chiudere la faccenda rivolgendosi al Consiglio di Stato. La sentenza però resta identica: il comune di Monza è stato condannato. Hanno fatto votare in aula dei documenti falsi e questo è un atto gravissimo. Hanno ingannato l’aula per ben due volte. Siamo in presenza di un buco clamoroso e la mia domanda è ora come lo copriranno?».

Accuse pesanti, pesantissime, quelle inferte dal consigliere Sassoli alla giunta guidata da Roberto Scanagatti che, per suo conto, ha rimbalzato ogni accusa. «Nessuna menzogna» ha ribattuto l’assessore al Bilancio Debora Donvito: «Dal rilievo è emerso come si tratti di un “potenziale debito“, una “passività potenziale“. I debiti derivati da una sentenza esecutiva sono debiti fuori bilancio ma nel nostro caso non sono espresse nè  la determinatezza nè la certezza. I revisori dei conti sono sempre stati al corrente di tutta la documentazione: da parte nostra c’è sempre stata la massima trasparenza. Prima di parlare di debito fuori bilancio bisogna esserne certi: ribadisco il concetto che questo non è il nostro caso».

Buco di bilancio o no? Per capire come si risolverà la questione i cittadini monzesi dovranno attendere  l’evolversi delle sedute del consiglio comunale. La prossima è in programma per domani, 28 novembre.

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. L’unica cosa certa e’ che stamattina mi e’ arrivata tarsu e tares da pagare , un bel 300 euro e per un pensionato a 1300 euro al mese e’ una roba da mettersi le mani nei capelli, tra l’altro con oltre 25 euro per la provincia che si “doveva” abolire..questi parlano e mangiano e noi paghiamo..sempre la solita storia

    • Già è sempre la solita storia, lamentarci! Ma voliamo capire che le tasse vanno pagate da tutti!! Se così fosse forse anche lei pagherebbe molto ma molto meno.

      • Mi Lambda dice:

        si però quando servono per pagare un debito pubblico insostenibile girano un pò le palle.

        • Chi l’ ha reso insostenibile il debito? I soliti che non pagano… e fanno vita da nababbi alla nostra faccia!
          O sbaglio?

      • hai ragione mary, tutti a lamentarsi ma poi corrono a comprare l’ultimo modello di cellulare o l’ultima play station per figli o nipoti…

    • Mi Lambda dice:

      porca troia poi te lo dicono con 3 gg di anticipo.

      • Si sapeva da mesi che a dicembre arrivava la bomba e non serve bestemmiare per esprimere un concetto

    • MassimoGH dice:

      le avessi io 1300 euro al mese.Pensi, non son pensionato, ne prendo 800 e ho moglie e figlio piccolo da mantenere. e pago senza lamentarmi.

Articoli più letti di oggi