24 Giugno 2021 Segnala una notizia
Cimiteri in Brianza, il parere dei lettori. Monza tra alberi e scale

Cimiteri in Brianza, il parere dei lettori. Monza tra alberi e scale

5 Novembre 2013

Non sono tardati ad arrivare i pareri dei lettori di MB News circa lo stato dei cimiteri brianzoli dopo il weekend della Commemorazione dei Defunti, che ha visto, come da tradizione, l’incentivarsi delle visite presso i campi santi del territorio. In particolare sono stati espressi pareri sul cimitero di Monza, semplicemente “tenuto male” secondo una nostra lettrice. Più articolato il parere di Cristina, che su Facebbok scrive: “San Fruttuoso ha il suo cimitero mentre gli altri quartieri, da questo punto di vista e a mio parere, sono un po’ più disagiati. Il nostro cimitero è sempre in ordine pulito e frequentatissimo, anzi per certi versi si incontrano un buon numero di persone che si fermano a pregare, a riordinare a pulire e quando per qualche motivo qualcuno dei visitatori manca all’appello scatta una sorta di passaparola per avere notizie. Fuori c’è sempre un fiorista che risulta essere bravo e gentile, quando passo di lì vedo sempre tante composizioni floreali, fiori recisi e piantine, molta gente si avvale dei suoi servizi, probabilmente perché fa bene il suo lavoro”. Qualcun altro punta il dito contro le scale, definite “pericolose”.

«Non vado molto spesso al cimitero di Monza – dice Maria Rosa – e l’ho trovato in buono stato, forse per merito dei privati che curano le proprie aree. Nota stonata gli alberi che non vengono potati con regolarità e che sporcano le tombe, la cui pulizia è molto faticosa. Bene invece il nuovo parcheggio nella parte posteriore, che favorisce l’accesso ed evita il caos».

«Vedano – il commento di una cittadina del piccolo comune brianzolo – ha la fortuna di avere un cimitero piuttosto ridotto che grazie alle sue dimensioni appare sempre ordinato e in buono stato».

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Andrea Meregalli
Ho sempre sognato di scrivere una biografia in terza persona singolare, ma ora mi vergogno. E allora Andrea Meregalli, classe 1984, vivo con Isabella e Arturo Bandini, giornalista pubblicista e lettore professionista con una passionaccia [cit.] per la letteratura latinoamericana del novecento, faccio alcune cose male tra cui giocare a backgammon e suonare l'ukulele, mi piacciono il jazz e il calcio, il poker e la mitologia norrena, i whisky e la filosofia greca antica. Soprattutto mi piacciono i libri, cartacei come digitali. Mi trovate su Twitter, su Facebook (poco) e su Finzioni Magazine.


Articoli più letti di oggi