28 Novembre 2020 Segnala una notizia
Addio a Carabina, mascotte "in servizio" presso il Nucleo Carabinieri a Cavallo

Addio a Carabina, mascotte “in servizio” presso il Nucleo Carabinieri a Cavallo

12 Novembre 2013

Veloce e precisa come una “Carabina”, si è spenta la mascotte dei Carabinieri a Cavallo di Monza, dopo tredici anni di “servizio”. Cagnolina docile e capace di infinito amore, Carabina era l’ultima discendente di una gloriosa dinastia al servizio della Benemerita.

Carabina è arrivata al Nucleo Carabinieri a Cavallo di Monza nel 2000, figlia di altri due cani impiegati presso altri reparti. Amata dai bambini e ben conosciuta all’interno del Parco di Monza, la cagnolina ha affiancato i militari nei servizi di pattugliamento nel polmone verde cittadino.
Affabile, docile con i “civili”, Carabina era integerrima con i cavalli. Un solo abbaiare e rimetteva in riga anche il più indisciplinato dei cavalli.

La sua storia va ricercata nella nascita dei Carabinieri a Cavallo, organizzati in squadroni e nel Reggimento di Roma fin dal 1963, impiegati spesso all’estero e poi in specifici servizi di pattugliamento o in occasioni ufficiali. Il cane storicamente accompagnava i militari in guerra, ma con il passare del tempo la sua funzione è divenuta quella di mascotte, impiegate “nel corpo” con lo scopo di badare ai cavalli. Il primo cane ad essere definito mascotte del Reggimento Carabineri a Cavallo di Roma fu “Trombetta”. Una bastardina arzilla e veloce, che ancora giovane fu presentata a “Maradona”, del 2° Squadrone Rgt. Carabinieri a Cavallo di Roma. Fu amore al primo scodinzolio, e Trombetta diventò mamma di “Tamburino”, seconda mascotte del Reggimento della Capitale.

La distanza Roma-Milano non fu un problema per la storia d’amore tra Tamburino e “Briciola”, prima cagnolina del Nucleo Carabinieri a Cavallo di Milano. “Panzer” nacque proprio dal loro incontro e fu assegnato a Monza, dove divenne la prima mascotte del Nucleo Carabinieri a Cavallo. “Tutto pancia”, lo definirono i militari che scelsero il suo nome proprio per questo motivo. A Milano nel frattempo arrivò “Clara”, che insieme a Panzer diventò mamma di “Carabina”. Descritta dai militari monzesi come una cagnolina allegra, che portava con orgoglio la sua “divisa” blu bordata dei colori dell’Arma e con il suo nome ricamato sopra, Carabina è stata una compagna di servizio integerrima, capace di rimettere in riga anche il più indisciplinato dei puledri. L’ultima di una gloriosa e romantica dinastia, ha prestato tredici anni di onorato “servizio”.

 

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Rigano
Nata a Milano nel '78', cresciuta in provincia di Monza e Brianza, sangue siculo-austro-serbo-toscano nelle vene, mi sento cittadina del mondo grazie alla passione per i viaggi passatami dai miei genitori. Studente irrequieta, ho scoperto la meraviglia del ricercare la verità degli accadimenti nel 2001. Grazie a un coraggioso direttore, ho iniziato dalla "cronaca di un marciapiede rotto", per arrivare a nera e giudiziaria passando dallo sport in tv, approdando alla famiglia MB News oltre che a collaborazioni con un'agenzia di stampa ed un quotidiano nazionali. Scrivere è la mia passione, un lavoro e anche un po' una missione:). Amo tutte le forme di sport e nel tempo libero mi rilasso in lunghi giri in auto cantando Ligabue a squarciagola o leggendo un buon libro spaparanzata in qualche parte del mondo, meglio se ci arrivo su un'auto senza finestrini o facendo l'auto stop! Mi direi "cronicamente combattiva, femminista progressista che rovescia le tazze di caffè e inciampa costantemente nei gradini e che sogna un faro circondato dal mare in tempesta dove scrivere libri...Un sacco di gradini per cadere"!!


Commenti

  1. Ha vissuto troppo poco!

Articoli più letti di oggi