17 Giugno 2021 Segnala una notizia
Senza slot meno Irap? A Monza c'è chi dice: "Non le tolgo per principio"

Senza slot meno Irap? A Monza c’è chi dice: “Non le tolgo per principio”

17 Ottobre 2013

Uno sgravio pari allo 0.92% per tutti i gestori dei bar che decideranno di rimuovere dal proprio esercizio le slot machine. In caso contrario mani al portafoglio: previste penalizzazioni dello stesso valore per chi non lo farà.

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità la legge regionale contro la ludopatia. Tra gli obiettivi, la prevenzione e il contrasto delle dipendenze da gioco d’azzardo e il trattamento di chi ne è affetto.

Nel capoluogo brianzolo il consigliere di “Una Monza per tutti”, Anna Martinetti, ha presentato un’ordinanza in comune per dire nò alle “macchinette mangia soldi”. Tanti coloro che hanno aderito allo slot mob del 5 ottobre ma anche anche chi non cede.

«Sono a conoscienza degli sgravi che Regione Lombardia ha intezione di concedera a chi rimuoverà le slot – spiega Patrick del “Teodolinda Bar” -. Noi siamo dei concessionari e ciò significa che, per le sigarette così come per le slot, lo Stato incassa degli utili. Noi siamo sempre molto attenti e sensibili sia verso la salute fisica che mentale delle persone che vengono nel nostro bar, ma alla rimozione delle slot diciamo nò».

Una questione di principio per il gestore del centralissimo bar monzese «Piuttosto che campagne di sensibilizzazione di questo tipo si dovrebbe elimare tutto ciò che non fa bene: le slot sono solo una piccolissima parte. Le macchinette costituiscono per noi il 10% delle entrate: si tratta di una cifra davvero minima e nulla comporterebbe alla mia attività in termini economici il privarmene. Ritengo però si tratti di una contraddizione e da qui il mio rifiuto. O tutto o niente. Queste sensibilizzazioni politiche sono ben accette ma costituiscono una restrizione e non risolveranno certo il problema che andrebbe invece estirpato alla radice».

Di opinione opposta Franco, titolare del bar Fossati a Monza «Sono d’accordo a togliere le macchinette là dove ci fossero degli sgravi fiscali. Non eravamo a conoscienza della campagna di sensibilizzazione messa in atto a Monza o avremmo aderito anche noi. La nostra clientela è di un certo tipo, vista anche la nostra centralissima posizione, e non si tratta di persone che spendono parecchi soldi giocando piuttosto qualche euro sorseggiando il caffè. Sono favorevole a queste iniziative e auspico in una maggiore comunicazione da parte delle istituzioni».

Previsto anche il divieto di collocare nuovi apparecchi entro un limite massimo di 500 metri da ‘luoghi sensibili’ come scuole e oratori.

Condividi questa notizia

Facebook & Newsletter

Cliccando sulla Pagina Facebook Ufficiale di MBNews e mettendo "MI PIACE" ti aggiorniamo in maniera esclusiva ed automatica su tutte le NEWS. Se vuoi beneficiare delle nostre promozioni e degli sconti che i nostri clienti riservano a te, iscriviti subito alla Newsletter.
Valentina Vitagliano
Brianzola d’adozione. Laureata in Lingue, e specializzata in Teorie e metodi per la comunicazione, scrivo principalmente di politica e fatti di cronaca cittadina.


Commenti

  1. Marcello dice:

    Queste iniziative estemporanee di comuni e regioni inizia ad essere stancante.
    Io sono un proprietario di bar e ho 3 slot installate e non le dismetto.Questo accanimento verso i bar è assurdo fa sembrare che la causa delle ludopatie siano solo i locali con macchinette e che si stia facendo qualcosa di illegale.
    Noi abbiamo 3 slot tutte regolarmente autorizzate secondo le leggi vigenti,abbiamo ottemperato a tutte le disposizioni su cartelli, avvisi, delimitazione zone etc. Stiamo attenti a chi entra nel locale, ai minori ed anche alla gente poco raccomandabile. Cerchiamo di convincere chi sta esagerando a smettere e il 99% delle volte ci dicono di farci i fatti nostri. Paghiamo regolarmente le imposte dovute.
    Però tutte i provvedimenti vengono fatte verso i bar discriminando ingiustamente, e secondo me, in maniera non totalmente legale i proprietari di bar che detengono legalmente le slot.
    Ma la filiera con le slot è molto, lunga e non viene minimamente coinvolta cominciando dal ministero delle finanze che incassa svariati miliardi dalle slot, ai monopoli di stato che autorizza tutto ciò, ai concessionari (Lottomatica, sisal e d altri) che lucrano abbondantemente, poi ci sono i noleggiatori e anche loro guadagnano più che bene. In questa sequela di entità che guadagnano sulle slot gli unici che si vogliono penalizzare sono i proprietari di bar, forse perchè sono i più facili da colpire e i meno potenti per controbattere….
    E cosa dire delle sale giochi? con le videolottery si giocano veramente cifre importantissime, migliaia di euro in poche decine di minuti. Però si penalizzano i bar. Che porcheria…
    Ultima nota: non sarà che tutta questa attività di regioni e comuni è dovuta al fatto che non spartiscono nulla di questa immensa torta del gioco d’azzardo?

Articoli più letti di oggi